3 ERRORI MADORNALI CHE LA MAGGIOR PARTE DEI PARRUCCHIERI COMMETTE [+ UNA STORIA DI VITA REALE]

voglio mostrarti 3 errori madornali che il 97% dei parrucchieri commette senza rendersene nemmeno conto!Oggi voglio farti vedere 3 errori madornali che la maggior parte dei Parrucchieri titolari di Salone d’Acconciatura commette senza nemmeno rendersene conto.

Vedrai le conseguenze di questi veri e propri abbagli, perché succedono e una risorsa per raddoppiare i clienti durante la settimana (in circa 90 giorni), con la mia parola di riuscirci senza troppe complicazioni e difficoltà.

Ma prima è necessario un piccolo passo indietro raccontandoti come da normale rappresentante di prodotti per Parrucchieri nella città di Parma e provincia mi sia venuto in mente di fondare nel 2013 il primo blog che parla di come raddoppiare l’efficacia del tuo Salone d’Acconciatura riducendo i Tuoi sforzi, dove troverai le strategie per aumentare i Tuoi guadagni da subito, anche se lavori da sola e hai poca esperienza.

Quando cominciai a lavorare come Rappresentante di prodotti per Parrucchieri nella città di Parma e provincia, ricordo che lo feci un pò per noia e un pò per necessità. Mi accorsi che fortunatamente non era poi un così brutto lavoro! Non si guadagnava affatto male, si passavano giornate tra un Salone e l’altro chiacchierando con tanti Parrucchieri e tante Parrucchiere 🙂 appassionate del proprio lavoro.

Con il senno di poi devo concederti che, anche se la scelta del settore in fondo non fu così matura nella mia testa, fu una delle scelte più centrate della mia vita. Mi innamorai del mio lavoro e del mondo dei Parrucchieri e dei Saloni d’Acconciatura praticamente da subito, anche per un’altro tipo di storia ormai finita.

Adesso mentre scrivo questo articolo sono passati quasi 15 anni, ed è quindi più di un decennio che continuo a lavorare, giorno dopo giorno, a stretto contatto con i migliori Parrucchieri italiani. Quando ammetto che in circa 15 anni di lavoro ho visto qualsiasi cosa all’interno dei Saloni d’Acconciatura, non farti troppe domande, e credimi sulla parola.

Ho visto nascere, crescere, morire, prosperare centinaia di Parrucchieri nei loro Saloni. Ho visto con i miei occhi anche Parrucchieri alle prime armi arricchirsi lavorando in veri e propri buchi squallidi e Parrucchieri estremamente visibili e di successo fallire miseramente alla guida dei loro grandi Saloni. Ho visto Parrucchieri arrivare al successo passando dal piccolo Salone al franchising di 10 negozi in pochissimo tempo. Ma ho visto succedere esattamente il contrario diverse volte.

Mentre succedeva tutto questo però avevo sempre un’immagine fissa davanti ai miei occhi accompagnata da una domanda che mi teneva letteralmente sveglio anche la notte:

“PERCHE’ ALCUNI SALONI D’ACCONCIATURA SONO SEMPRE PIENI (e vanno letteralmente in panne), MENTRE ALTRI SONO VUOTI ANCHE DI VENERDÌ E SABATO?”

Come venditore ero assillato da questa domanda. Questa domanda mi assillava perché se fossi riuscito a trovare la risposta esatta non solo avrei fatto fortuna, ma anche quella della maggior parte dei miei clienti! E’ logico capire che avevo un forte interesse nel cercare quella risposta e perciò DOVEVO trovarla!

Dopo tutto non ho mai voluto rassegnarmi a pensare che fossero solo le capacità tecniche o stilistiche che un bravo Parrucchiere dovesse avere, la posizione, il parcheggio, le amicizie, la simpatia del titolare o la fortuna e le circostanze economiche favorevoli a farne un Salone e un Parrucchiere di successo o di insuccesso. Dove esserci di più. Doveva esserci qualcosa di misurabile e di ripetibile che i Parrucchieri più produttivi facevano e facevano bene mentre i Parrucchieri scarsi non facevano affatto.

E’ stato allora che ho cominciato ad osservare con occhio critico i Parrucchieri con Saloni vuoti, quelli che facevano fatica a pagare le mie fatture, quelli che pian piano facevano sempre meno ordini e che chiedevano via via pagamenti sempre più lunghi con ricevute bancarie anche a 180 giorni.

Giuro che non ci saltavo più fuori e continuavo a chiedermi:

“Cosa c’è che non funziona in loro?”

Ma stavo ancora una volta sbagliando e dovetti ricominciare tutto da capo! Non mi ci volle tanto tempo per capire che se avessi voluto raggiungere il successo avrei dovuto imparare solamente da chi il successo lo aveva già raggiunto. Così iniziai a rivolgermi ai Parrucchieri più produttivi, cercando di comprendere esattamente quale fosse il loro segreto e sopratutto, se mai ce ne fosse stato uno!

Mi sono quindi dato da fare. Ho fatto domande, molte domande, indagato, ficcato il naso, rotto le scatole a chiunque Parrucchiere avesse avuto i numeri per potersi definire un Parrucchiere degno di tale nome. La mia stava diventando una vera e propria ossessione. Dovevo trovare quella risposta e non mi interessava nient’altro. Non lo nascondo! E’ stata durissima! Ho preso porte in faccia, offese irripetibili, tantissimi “NO!”, subito angherie e prese in giro di qualsiasi genere, perfino dai miei colleghi venditori, oltre che il resto!

Non passava un solo giorno nel quale non mi trovavo demotivato e scoraggiato da chiunque.

“Sei un sognatore!” mi dicevano…“vai a lavorare!”….”vai a vendere!”…”ma cosa perdi tempo qui e in quei lavori lì”…”l’unica cosa che conta è lavorare duro e farsi il culo!!”

Ma tra tutte le angherie ricevute ho trovato anche qualche persona buona di animo e di cuore che ha deciso di aiutarmi e che non finirò mai di ringraziare per questo.

Trovai infatti quei pochi, anzi pochissimi Parrucchieri disposti a condividere le loro storie di successo, i loro aneddoti, le loro strategie e i loro segreti.

Io credetti in loro, in ciò che erano, nel loro potenziale e viceversa loro credettero in me, mi diedero fiducia incondizionata e per me fu un grande traguardo visto l’altissimo tasso di diffidenza che spadroneggia nell’italiano medio.

Capii a mia volta che fidarsi del prossimo di base non è mai rischioso e che non conta cosa fai o cosa hai fatto. Conta solo cosa puoi fare!

Ma prima di continuare voglio farti vedere un breve video che è un’ottimo punto di partenza per spiegarti che la fiducia non è rischiosa…

Per quanto non me ne rendessi ancora pienamente conto stavo trovando la risposta alla domanda che mi teneva letteralmente sveglio anche la notte! Era l’occasione che cercavo! E la sfruttai fino in fondo!

Come una spugna assorbivo tutto ciò che era importante, non mi lasciavo scappare nemmeno un’informazione utile, un dettaglio di tutto quel sapere. Una volta in possesso di quelle informazioni le ho poi raccolte, messe in ordine e catalogate.

E alla fine?

E alla fine mi sono fatto un’idea molto chiara di cosa è necessario fare e di cosa NON è necessario fare per portare avanti un Salone d’Acconciatura.

Ma ti starai domandando:

“Perché mi stai dicendo questo? Dove vuole arrivare questo qui che nemmeno conosco?”

Molto semplice!

Ti sto mostrando tutto questo per farti capire che anche nel 2016 è possibile migliorarsi con il tuo Salone d’Acconciatura…semplicemente facendo qualche modifica che la maggior parte dei Parrucchieri titolare di Salone in Italia non sanno nemmeno che esista!

E non ti ci vorranno 15 anni come sono serviti a me. Ti ci vorrà molto meno. E molti meno soldi e energie di quelle che ho speso io. Semplicemente perché anche tu, oggi, puoi evitare alcuni errori che io e TANTI Parrucchieri abbiamo commesso per anni.

Veniamo quindi al motivo per le quali stai leggendo queste righe.

Clicca qui e scarica l’Ebook GRATIS “Il Segreto per far Esplodere le Vendite del Tuo Salone d’Acconciatura”

Vediamo insieme 3 degli abbagli più frequenti che la maggior parte dei Parrucchieri commettono, partendo dal primo:

Abbaglio (1) – Considerarti un dipendente del tuo Salone d’Acconciatura.

La maggior parte dei Parrucchieri sono in realtà dei dipendenti-tuttofare del proprio Salone d’Acconciatura, assorbiti 14 ore al giorno, cinque giorni su sette, trecentossentacinque giorni all’anno. No ferie, no malattie. Lavoro. E basta! Conosco centinaia di Parrucchieri e Parrucchiere che vivono in funzione del proprio Salone. Le loro giornate sono scandite dagli impegni di lavoro. Si svegliano, tirano su la saracinesca, danno uno sguardo agli appuntamenti, aiutano i dipendenti, spazzano i pavimenti, puliscono i bagni, accolgono i clienti, preparano il colore o il decolorante, schizzano al lavatesta, fanno i tagli, propongono i servizi, battono gli scontrini e compilano la contabilità. E poi di nuovo da capo.

Questo accade perché la maggior parte dei Parrucchieri in Italia ricopre tutti i ruoli all’interno del salone:

  • tecnico del colore e tecnico stilistico
  • tricologo
  • artista e genio creativo
  • tuttofare
  • addetto al lavaggio
  • prendi appuntamenti e risponditore automatico di telefonate (quando non lo fa tuo marito)
  • uomo o donna di cassa e di conti
  • commercialista
  • titolare stressato (questo sempre)
  • insieme di tutte le precedenti, a seconda della giornata

E lo fanno ben consapevoli che si stanno perdendo le cose davvero importanti (famiglia, divertimento,hobby) sperando che la situazione migliori con il passare del tempo. Chissà quando! In pratica, non sono loro che possiedono un Salone d’Acconciatura, ma il Salone d’Acconciatura che possiede loro.

Io so che anche tu sei in una situazione di questo tipo. Ma io so anche che tu sai che tutto questo non è giusto. Lo so che nel profondo sai che le cose in questo modo non possono continuare.

Che questa situazione DEVE cambiare!

E attenzione: non sto scrivendo questo per rincarare la dose. Lo sto scrivendo semplicemente per dirti che non è giusto che tu sia uno dei dipendenti del tuo Salone. Non è giusto perché non te lo meriti. Tu hai deciso di aprire un Salone per altri motivi, che non conosco, ma che posso immaginare. Non per fare lo schiavo.

Tieni presente che il Parrucchiere titolare di un Salone che funziona, e sto parlando di vero successo, non è MAI, in nessun caso, un dipendente del proprio Salone.

Il Parrucchiere è e dovrebbe essere sempre e comunque un’imprenditore a capo del proprio Salone, che delega tutti i compiti che non reputa fondamentali (alcuni compiti non andrebbero in nessun caso delegati, e dopo ti spiego quali sono) ad altre persone.

So a cosa stai pensando. Stai pensando:

“Delegare costa e nessuno è bravo come me nel fare ciò che faccio!”

Sono consapevole che delegare costa, sopratutto di questi tempi e che le cose come le fai tu non le fa nessuno e che nessuno ama il tuo Salone d’Acconciatura come lo ami tu e quindi non svolgerebbe i suoi compiti con la stessa passione con cui li svolgeresti tu. So anche che hai paura di perdere il controllo. Lo so perché penso le stesse cose anche io del mio lavoro. Ma delegare è fondamentale. Non ho scelto il termine fondamentale perché non me ne venivano in mente altri, l’ho scelto perché è un’ elemento imprescindibile per il tuo bene (liberi il tuo tempo) e per quello del tuo Salone. E ti assicuro che delegare non costa poi così tanto nel momento in cui tu guadagni molto e non passi il 90% del tuo tempo dentro quelle 4 mura!

Ma perchè spingo tanto sull’importanza di liberare il tuo tempo, smettendo di fare il dipendente sottopagato del tuo stesso Salone d’Acconciatura?

Te lo dico io: il tuo unico scopo è quello di renderti inutile! Non sono impazzito! Devi diventare inutile, devi fare in modo che il tuo Salone non abbia più bisogno di te e che funzioni tutto perfettamente anche senza la tua presenza tra pieghe, tagli colori e conti.

A che scopo ti domanderai?

Bhè questo mi piacerebbe che me lo dicessi tu.

Ma, per come la vedo io, dovresti renderti inutile nei confronti del tuo Salone d’Acconciatura per liberare il tuo tempo e dedicarlo a due cose fondamentali:

  1. fare cose più divertenti che lavorare
  2. aprire altri Saloni d’Acconciatura

Clicca qui e scarica l’Ebook GRATIS “Il Segreto per far Esplodere le Vendite del Tuo Salone d’Acconciatura”

Abbaglio (2) – Considerare il Salone d’Acconciatura per quello che non è.

La maggior parte dei Parrucchieri considera sbagliando il proprio Salone d’Acconciatura come:

  • un luogo dove la gente viene per cambiare look e per spettegolare
  • un set cinematografico dove il titolare è il regista e i clienti gli attori principali
  • un luogo di ritrovo dove far bisboccia con i propri amici
  • un bar per anziani
  • un circolo perditempo
  • un’ente di beneficenza

La realtà è che tutte queste definizioni possono anche essere giuste…ma lo sono a metà!

Perché prima di ogni altra cosa il tuo Salone d’Acconciatura è un’azienda, che ti piaccia o no! La tua azienda è il tuo business. E in quanto tale, dovrebbe avere come unico scopo primario quello di produrre tanti, tanti utili. In altre parole anche se so che non ti piace questo termine perché lo credi volgare: DEVE VENDERE!

Il resto è sicuramente molto importante, sicuramente molto poetico, ma secondario.

Sei d’accordo?

Il Salone ti serve per produrre denaro. Tanto denaro e possibilmente dato che il tuo scopo dovrebbe essere fare tanto denaro per liberare il tuo tempo e dedicarti a ciò che ti piace, il tuo Salone d’Acconciatura deve funzionare bene anche senza di te.

Okay adesso immagino la tua preoccupazione riguardo al fatto che se smettessi di lavorare entro pochissimo tempo il tuo Salone fallirebbe.

Ma gradualmente, un passo alla volta, dovrai arrenderti all’evidenza: Il tuo Salone d’Acconciatura perché sia considerato veramente profittevole, deve funzionare bene anche senza di te.

Ma vediamo il tutto più da vicino.

Perché funzioni bene anche senza di te, hai bisogno di 3 ingredienti fondamentali:

  1. Persone. Che sarebbero i tuoi dipendenti. Sono le persone che lavorano nel tuo Salone e per il tuo Salone, ed è chiaro che devi scegliere solo persone che possano fare il bene del tuo Salone, e che si vogliano impegnare per farlo.
  2. Processi. Che sono delle cose “immateriali” spesso informatizzate che funzionano senza l’intervento umano e che ti permettono di avere grossi vantaggi. Per esempio la pubblicità è uno dei tanti processi. Anche il Brand, cioè il marchio del tuo Salone d’Acconciatura e tutto quello che significa per i tuoi clienti, è un processo. Tutti i Parrucchieri che hanno raggiunto un discreto successo utilizzano dei processi per facilitare il proprio lavoro, ed è proprio per questo che sono indispensabili per avere un Salone che produca utili e questi processi sono l’unica cosa che non puoi permetterti il lusso di delegare ad altre persone. Puoi farteli costruire da altri ma devi controllarli solo tu, e devi avere le competenze per farlo. Le persone e i processi sono fondamentali. Ti sorprenderà sapere che i compiti più importanti oggi e per almeno i prossimi 15 anni a venire, andranno delegati ai processi. Certo, niente potrà mai sostituire totalmente la “mano umana” in un Salone d’Acconciatura degno di tal nome, ma l’importanza dei processi sta diventanti sempre più incisiva. Quindi riassumendo le persone e i processi sono la strada per il tuo successo e sopratutto per la tua libertà. Quindi….occhio a sceglierli bene! Ma c’è anche un’altra cosa senza la quale il Tuo Salone d’Acconciatura non può avere il successo che si merita. Questa cosa è anche importante…
  3. Clienti. Come già ti accennavo poco sopra non solo ti serviranno più clienti, ma te ne serviranno tanti!! Talmente tanti da poterti permettere di guadagnare molto e quindi investire parte di quei guadagni per delegare compiti che svolgi oggi, quindi di liberare il tuo tempo e infine dedicarti a ciò che ti appassiona.

Ma abbiamo un problema!!

Che guarda caso coincide con il terzo errore…

Abbaglio (3) – Non sapere come acquisire clienti e fidelizzare quei clienti e quindi non sapere come vendere loro nemmeno uno shampoo!

E bada bene che il terzo errore è il più grave! E la cosa che mi diverte di più è che è sotto gli occhi di tutti i Parrucchieri: non sanno come si acquisisce un cliente, cioè non sanno vendere loro uno semplice shampoo o un servizio particolare che potrebbe risolvere un loro problema!

Spesso non si sono mai posti nemmeno il problema di acquisire dei clienti, e fra poche righe ti spiegherò il perché.

Ma questo è un male. E’ un male perché la vera sfida del Parrucchiere del futuro non sarà innovare il proprio Salone con l’ultima trovata o l’ultimo prodotto, non sarà creare l’ultima tendenza moda o utilizzare chissà quale ingrediente segreto all’interno di un prodotto miracoloso.

No! I clienti oggi sono già informati su tutte queste cose! Ficcatelo in testa! Ne sanno anche più di te.

La vera sfida per il Parrucchiere sarà trovare clienti ben disposti a farsi curare la propria immagine nel tempo a venire e quindi essere in grado di farlo sia dal punto di vista tecnico stilistico che dal punto di vista di marketing e vendite sarà determinante a meno che tu non abbia deciso di rimanere un cavernicolo.

Questo perché non funziona più come come fino a qualche tempo fa, dove per riempire il proprio Salone bastava fare un buon taglio o un buon colore, essere carini ed educati con i propri clienti e avere qualche servizio adatto ai capelli di quante più persone. Non sto dicendo che tutte queste cose non siano importanti, non fraintendere. Sto dicendo che oggi le cose sono cambiate per un motivo o per l’altro, velocemente e dall’oggi al domani. Però c’è anche una buona notizia: di gente interessata a venire nel tuo Salone per un taglio, un colore, un ritocco una piega c’è ne sarà sempre.

Si tratterà solo di fare in modo che queste persone preferiscano il tuo Salone piuttosto che quello due isolati appresso al tuo. Ed è proprio questo che significa acquisire clienti e quindi VENDERE!

Ma attenzione perché vendere non è qualcosa di mal dicevole, ma è determinante!

Perché vendere significa offrire una soluzione ad un problema in cambio di danaro. I tuoi clienti hanno bisogno di risolvere un problema e sono ben contenti di sapere come spendere per farlo. Ma come ti spiegavo prima il problema è tutto qui. Infatti il problema del Parrucchiere è la sua NON capacità di acquisire clienti e valorizzarli nel tempo. Ma capiamoci: non sei capace di farlo, non per un demerito, ma semplicemente perché…..non ne hai mai avuto bisogno!

Fino a qualche tempo fa era oro colato per tutti perché giravano più soldi e non c’era la paura di spenderli. I clienti abbondavano e quindi non c’era la necessità di acquisirne di nuovi!

Quello di cui potresti aver bisogno è proprio quello che io ho messo a disposizione per te e lo trovi iniziando da qui…

La risorsa per raddoppiare i clienti durante la settimana (in circa 90 giorni), con la mia parola di riuscirci senza troppe complicazioni e difficoltà la trovi qui…

Per oggi è tutto, alla prossima….e grazie per aver scelto Parrucchiere Vincente!

Angelo

PS: “In futuro Valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà in grado anche di darti soluzioni!”

22 pensieri su “3 ERRORI MADORNALI CHE LA MAGGIOR PARTE DEI PARRUCCHIERI COMMETTE [+ UNA STORIA DI VITA REALE]

  1. Antonio

    Bellissimo articolo, quello che ci voleva per affrontare belli carichi il week end di lavoro che ci aspetta….a parte le battute, è davvero interessante. Grazie Angelo

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Non ho nessuna intenzione di fermarmi, infatti.
      Grazie ancora per il tuo tempo e la tua fiducia.

  2. Paola

    Sei pazzesco, giuro che mentre vedevo il video, mi sono messa a piangere.
    E non oso pensare cosa succederà con tutto il lavoro che ho da fare….(ma non quello pratico :))
    Sei sempre da stimolo, grazie grazie…
    Paola Hair Style

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Paola, non era mia intenzione far piangere nessuno ma ben vengano le emozioni.
      Rimango a disposizione per un’eventuale supporto.
      Grazie per il tuo commento intanto….

  3. Laura

    Senza nulla togliere a te, sai che ti seguo sempre e prendo per oro colato tutto quello che scrivi, Kevin Spacey è un mito.
    Consiglio caldamente a tutti i Parrucchieri di seguire questo blog e i consigli di Angelo, perché anche se a prima vista potrebbero sembrare difficili o irrealizzabili, ha dimostrato di essere sempre al mio fianco nei momenti più difficili, aiutandomi a capire che stavo sbagliando tutto. E io sono una ragazza molto testarda. Oggi nei momenti piu difficili ho le armi per difendermi e stare tranquilla, sicura che tutto passerà e io comunque ne uscirò senza un graffio. A presto.
    Laura Acconciatura Cuneo

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Laura sono molto contento per quello che affermi.
      Grazie, fin troppo gentile!
      Per quel che riguarda Kevin Spacey sono d’accordissimo, anch’io sono un suo fan e più in generale tutto il film -Un Sogno per Domani- è bellissimo, per non parlare dell’interpretazione di Joel Osment nei panni di Trevor McKinney.
      Ciao…

  4. Luana

    Trovo molto interessante tutto il blog e avrei una domanda da farti.
    Negli ultimi mesi ho aperto una pagina fan su Facebook per aumentare la visibilita del mio Salone che è a Torino.
    Ho anche acquistato e frequentato dei corsi specifici sull’utilizzo ma se devo essere sincera non ho ottenuto dei ritorni all’altezza dei soldi spesi. Non parlo tanto del prezzo dei corsi che ho fatto volentieri, quanto piuttosto dei soldi spesi in pubblicita ADS, che ha prodotto modesti risultati. Meglio che non fare niente mi sono detta, ma tu hai qualche consiglio a proposito?
    Il mio salone va bene, ma vorrei stare al passo con i tempi e dare qualcosa in più ai miei clienti.
    Se potrai rispondere te ne sarei grata.
    Buona serata Luana.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Luana, grazie.
      Avevo le notifiche spente e vedo solo adesso il tuo commento, ma l’argomento FB è lungo e complesso perché svolge dei ruoli specifici in sinergia con altri strumenti ed è impossibile per me spiegarti tale complessità in questa sede e non è nemmeno una mia area di competenza specifica.
      Comunque FB è uno strumento al servizio di un piano marketing strategico. Prima si deve definire la strategia e solo dopo e in funzione di questa deve essere realizzata la pagina.
      Devi considerare la pagina FB come uno dei tanti strumenti nella cassetta degli attrezzi del marketing perché svolge uno o più ruoli fondamentali all’interno di una strategia di marketing ben più grande e strutturata. Mi pare ovvio che il tuo Salone d’Acconciatura non viva di like ma di vendite di prodotti e servizi che dovrebbero essere il reale obiettivo di qualsiasi Parrucchiere Professionista.

  5. Antonio

    È davvero sempre un piacere leggerti, nei pochi momenti in cui riesco a trovare il tempo.
    Complimenti sono davvero contento per i traguardi che hai raggiunto, che raggiungerai e che io stesso raggiungero’ anche grazie a te. Ti consiglio a tutti….
    Antonio Hair Stylist da Napoli….

    Rispondi
  6. Mariaconcetta

    Salve!
    Scusi il ritardo.
    Avrei dovuto scrivere prima….ci tenevo a dirle che tutto ciò che ho letto finora, non solo è molto interessante ma sta già aiutandomi! Io non ho un salone tutto mio, sono solo una dipendente che cerca di capire il più possibile. Diciamo che il sogno sarebbe quello.
    Quindi ripeto: contenuti fondamentali per chi come me vuole solo crescere!
    Grazie tante.
    Ah dimenticavo: penso che la crisi sia solo una scusa per non alzarsi quando si cade e rimettersi in gioco.
    Buon lavoro Angelo e a presto.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ti auguro di poter realizzare al più presto il tuo sogno di aprire un Salone tutto tuo.
      Grazie Mariaconcetta… ma dammi pure del tu..okay?

  7. Luisa Sfiligoi

    Ho iniziato a leggere con grande piacere l’articolo ed è veramente interessante ,sono tutti problemi che commettiamo …
    Stasera sono rientrata tardi,così ora non riuscirò a legger tutto,ma domani lo farò !
    Un cordiale saluto .
    Grazie Angelo!
    Luisa

    Rispondi
  8. gaetano

    Ciao Angelo ti faccio i miei complimenti per quello che hai scritto.
    Venerdì scorso ero al PC per una ricerca su come aumentare il listino prezzi
    e ti devo dire che dopo aver letto quel’articolo mi è tutto più chiaro.
    Grazie millleeeeeeee….
    Gaetano

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Gaetano mi fa piacere che tu l’abbia apprezzato; approfitto per lasciare il link diretto all’articolo in modo che altre persone interessate all’argomento ne possano usufruire ancora più facilmente.
      ==>> http://www.parrucchierevincente.com/articolo/
      Ti ringrazio e se vuoi dire la tua anche sugli altri argomenti trattati sappi che sei il benvenuto.
      A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *