COME RIEMPIRE IL TUO SALONE D’ACCONCIATURA DURANTE LA SETTIMANA, CON QUESTO TRUCCO.

Come_riempire_il_tuo_salone_durante_la_settimana_con_un_semplice_truccoSe il titolo dell’articolo di oggi, ti ha incuriosito è possibile che sia per un solo motivo! Sei interessato ad aumentare le presenze dei tuoi clienti nel tuo Salone d’Acconciatura, durante la settimana, ed è un bene!

Infatti, se sei anche tu un Parrucchiere sveglio e veloce ti mostrerò un trucchetto davvero molto semplice da mettere in pratica, ma di un’efficacia sorprendente, che potrai utilizzare fin da subito, che ho già sperimentato con alcuni dei miei clienti personali, ottenendo degli ottimi risultati, alle volte persino incredibili!

In pratica cosa abbiamo ottenuto?

Tutti i Parrucchieri che hanno provato questa tecnica hanno ottenuto buoni risultati, ma alcuni dei miei clienti, hanno addirittura raddoppiato il numero delle presenze dal Martedì al Giovedì, periodo in cui normalmente vi è un calo delle presenze.

Ma prima di proseguire permettimi di fare un passo indietro, per scoprire uno dei più grandi problemi di chi fa il Parrucchiere in Italia,

eccolo:

[Salone d’Acconciatura PIENO nel fine settimana, ma rischia di essere SEMI VUOTO durante la settimana]

Oltre al danno, infatti abbiamo anche la beffa, perché addirittura, durante il fine settimana la maggior parte dei Parrucchieri è costretta a MANDARE VIA persone dal proprio Salone d’Acconciatura, causa pienone!

Ora, quello che sto per mostrarti potrebbe anche non valere per te, quindi prima di polemizzare e dire che per te “è diverso” ti prego di tenere conto della tua situazione specifica che per ovvi motivi non posso conoscere perché me la dovresti dire tu.

Ma per ora andiamo avanti.

Da un dato reale alcuni Parrucchieri parlano anche piuttosto “orgogliosamente” di aver mandato via anche fino a una dozzina di persone in un giorno! Certo, non sempre così tante…..ma dato che mi piace rapportarmi con tutte le zone d’Italia che sono diverse l’una dall’altra, facciamo magari una media di 12 tra Venerdì e Sabato?

Potresti essere tu?

Okay, quindi facciamo che tu debba mandare via una dozzina di persone tra Venerdì e Sabato.

Facciamo due conti:

immaginiamo che tu debba mandar via una media di 12 persone e fin qui ci siamo. Ci tengo a sottolineare che qui parlo di media, perché infatti lo sò già cosa ti sta frullando nella testa:

“ma dai Angelo, questi sono numeri sparati a caso, ma cosa né sai tu, come fai a dirlo…? eccetera”

Ripeto questo è un conto ipotetico e ti prego di prendere questo esempio così com’è e successivamente personalizzalo con i numeri che tu conosci benissimo nel tuo Salone d’Acconciatura.

Quindi:

12 persone “mandate via” in media durante il fine settimana, moltiplicate per 30 euro, (scontrino medio),moltiplicate per 52 (numero weekend all’anno) = 18.720,00 euro, PERSI IN UN’ANNO!

i tuoi soldi nel cessoRipeto, letteralmente persi, buttati nel water, perché non sappiamo come fare, dato che abbiamo il Salone già pieno, magari con servizi tecnici anche piuttosto lunghi e tutti i tempi “morti” tra un servizio e l’altro già prenotati. (sempre che tu abbia una buona organizzazione).

Ma andiamo avanti e facciamo un calcolo secondo il mio sistema per risolvere questo problema.

Se sfruttassimo il “tutto esaurito” del fine settimana per riempire il Salone d’Acconciatura durante la settimana?…o meglio, se riuscissimo a “dirottare” i clienti in più durante il fine settimana per portarle in Salone durante la settimana, tu cosa ne penseresti?

Immagino che sarebbe ottimo? Vero?

Ma vediamo come abbiamo risolto anche in altri Saloni d’Acconciatura.

Devi offrire a ciascuna persona che mandi via una “Letterina” contenete un’offerta che         NON dev’essere necessariamente uno sconto okay? Non se ne può più di tutti quei portali che ti mandano i clienti a forza nel Salone a suon di sconti e colori, tagli e pieghe a 10 euro.

L’offerta deve essere un’offerta accattivante, interessante per il tuo cliente, e non necessariamente deve essere uno sconto, può essere anche semplicemente l’offerta di una particolare spazzola per capelli, piuttosto che un flacone dello shampoo preferito o di un servizio particolare, come già spiegato in questo articolo.

L’offerta deve avere una scadenza, quindi il tuo cliente deve capire bene che questa “Letterina”, questa offerta che tu gli dai vale da qui a due settimane, per esempio.

Dev’essere personalizzata, perché tu che ne so, al Sabato gli dai questa lettera, dove lo inviti a tornare al Martedì o Mercoledì e ti sarà offerto un trattamento filler riempitivo, molto veloce e molto efficace, a basso costo, ma ad alto margine (contattami per maggiori info su questa soluzione), dove specifichi a chiare lettere che questa offerta potrà essere goduta dalla tua cliente nella prima parte della settimana e non nel fine settimana, e quindi un vantaggio per il tuo cliente, impossibile da rifiutare!

Facciamo quindi ancora due conti (di nuovo…)

E’ possibile pensare che non tutti quelli a cui hai dato l’offerta non torneranno da te, ma ho ipotizzato, grazie anche ad altre Case History che almeno il 20%, quindi almeno 2/3 persone approfittino dell’offerta?

Te lo dico io: SI!

Inoltre adottando anche strategie avanzate all’interno della “Letterina” queste clienti potrebbero addirittura venire da te, portando un’amica o un familiare, e questo vuol dire raddoppiare la percentuale vista poco fa.

Quindi, facendo i conti un po’ larghi per non farti sottovalutare le potenzialità:

6 persone (3 su 12, per 2, porteranno anche un’amica o un familiare) moltiplicato per 30 euro (scontrino medio), moltiplicato per 52 (numero di settimane all’anno) = 9.360,00 euro GUADAGNATI OGNI ANNO!

Okay?

Sei ancora li?

Quindi prima ne perdevamo quasi 20.000,00 adesso ne stiamo recuperando poco più di 9.000,00, a patto di sfruttare tutte le tecniche avanzate, ma che sarebbero pur sempre circa 4.680,00 euro in un’anno stando bassi, appunto, che comunque non sarebbero una brutta cifra, visto e considerato che se continui a fare come stai facendo, li avresti letteralmente buttati nel cesso!

Ci tengo a precisare che io NON credo ai miracoli, ma che con le giuste informazioni si possano ottenere risultati ancora migliori, infatti se fossero di più le persone che mandi via? E se dopo un’operazione di questo genere fossero molte di più le potenziali clienti che ti tornerebbero in Salone? Pensa a cosa potrebbe succedere se tu un giorno mandi via una, le dai l’offerta e questa torna con un’amica che per ipotesi abbia bisogno di uno dei tuoi servizi alto spendenti top?

E’ per questo che noi dobbiamo sempre lavorare cercando di fare stare al meglio i nostri clienti e cercare di renderci coerenti con la nostra idea differenziante e far si che stando bene nel nostro Salone d’Acconciatura tutti possano ritornare sempre numerosi.

Ma non è ancora finita.

Immagina per un momento se prendessi le loro anagrafiche e inviassi loro nuove offerte a cadenza regolare?

Troverai che questi clienti non sono più clienti “normali”, sono clienti che hanno scelto te e il tuo staff, il tuo Salone, nonostante tu sia stato costretto a mandarli via! Praticamente ti adorano!

Chiedi quindi loro un dato per poterli ricontattare (indirizzo email, indirizzo di casa, numero di telefono), promettendo loro che non riceveranno materiale non desiderato, ma solo utili informazioni, offerte e promozioni personalizzate e vantaggiose! Per esempio se una cliente viene a farsi colore/taglio e piega per prepararsi a festeggiare il giorno del suo compleanno, tu saprai benissimo esattamente il giorno in cui li compie e perciò potrai ricontattarla il prossimo anno, un mese prima, ricordandole che un’anno prima era venuta proprio da te, e così la potrai invitare dinuovo con un regalo apposta per lei.

Lascia che ti ripeta quest’ultimo punto, semplicemente perché è così importante:

  • chiedi loro un dato, attraverso lo strumento della Scheda Cliente, e comincia a costruire una lista di clienti che comprenda indirizzo email, indirizzo di casa e numero di telefono.

Adesso metti in pratica quello che hai appena letto. Rileggi l’articolo, ristudia i passaggi e se hai trovato questo contenuto interessante, e sei realmente intenzionata a raddoppiare l’efficacia del tuo Salone d’Acconciatura, riducendo i tuoi sforzi, approfondisci l’argomento, inserendo la tua migliore email, non prima di aver letto con attenzione questa pagina, per scaricare anche tu:

“Il segreto per far esplodere le vendite del tuo Salone d’Acconciatura che nessuno ha mai avuto il coraggio di rivelarti”

Ed ora rimane solo una cosa da fare: agisci e prenditi il successo che ti meriti, perché se il tuo Salone d’Acconciatura nasce con le fondamenta storte, si porterà dietro dei limiti impossibili da risanare in seguito, se non a patto di smembrarlo e ricostruirlo completamente, ma forse potrebbe essere tardi!

Per oggi è tutto.

Angelo

PS: “In futuro Valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà in grado anche di darti soluzioni!”

26 pensieri su “COME RIEMPIRE IL TUO SALONE D’ACCONCIATURA DURANTE LA SETTIMANA, CON QUESTO TRUCCO.

  1. Tony

    Ciao Angelo, intanto grazie per il tuo lavoro. È molto interessante. Avrei una domanda.
    Dato che vado per appuntamento, se la cliente mi chiama al telefono anziché passare fisicamente dal Salone, e ipotizzando di non fissare subito direttamente al telefono un successivo appuntamento, come faccio a consegnarle il beneficio del trattamento speciale di cui parli se per mille motivi non la riesco a fare proprio quando vuole lei?
    Secondo te è corretto ricontattarla successivamente al telefono o semplicemente via email per darle l’incentivo di cui parli?
    E come dovrei comportarmi se la cliente fosse nuova e non avessi i suoi dati?
    Grazie anticipatamente per la risposta che mi potrai dare….buon pomeriggio, Tony.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Tony, intanto grazie mille per il commento e le domande.
      Le anticipi al telefono che la prossima volta ci sarà una sorpresa per lei,
      scusandoti per il “disservizio temporaneo” e fai seguire subito una email dove le illustri
      la tua offerta e il “buono speciale a scadenza”, grazie ai dati in tuo possesso
      raccolti precedentemente attraverso la scheda cliente,
      quindi è corretto.
      Nel caso di cliente potenziale, mai vista ma solo ascoltata al telefono, le chiedi al volo
      il suo numero di cellulare per essere ricontattata e per darle la possibilità di riservare un’appuntamento
      con un’assistente personale, che riserverai nell’orario che preferisce, solo per lei.
      A quel punto potrà decidere addirittura di acquistare un tuo servizio/prodotto
      e farlo con uno sconto rispetto al prezzo al pubblico.
      Se non ti dà il suo numero, lasciala perdere e saluta cortesemente, vuol dire che non era in target.

  2. Armanda

    Grazie, come al solito molto utile.
    Ultimamente mi sei molto d’aiuto perché ho trovato risposte concrete alle mie domande su come promuovere meglio il mio salone, ma sopratutto migliorare i miei atteggiamenti nei confronti dei clienti. Scusami piuttosto se non commento spesso ma ho ancora problemi con la tecnologia. Devo aggiornarmi e superare le paure. A proposito mi sono iscritta ma non sono riuscita a scaricare la risorsa gratuita. Forse ho sbagliato qualcosa, me la potresti mandare tu?

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Armanda, mi fa piacere che tu abbia trovato le risposte alle tue domande.
      Ti auguro molti miglioramenti e spero tu riesca a trovare maggiore confidenza con la tecnologia.
      Ti ringrazio per l’iscrizione.
      A proposito della risorsa gratuita, può succedere di non riuscire a scaricarla se si accede da smartphone o tablet, perché sono dispositivi che non dispongono del programma per
      decomprimere i file .zip, come nel caso di questo e-book e delle altre risorse
      gratuite messe a disposizione, che riceverai nel corso delle prossime
      email che riceverai.
      Al contrario Pc fissi o portatili posseggono già al loro interno questo
      tipo di software.
      Sicuramente se sono di ultima generazione.
      Quando devi scaricare ti consiglio di farlo da PC fisso o portatile.
      Esistono comunque delle App sia per Android che per Iphone,Ipad
      e le puoi trovare gratuitamente sia su Google Play che su iTunes.
      Ti lascio un paio di link, poi vedi tu…
      https://itunes.apple.com/it/app/izip-zip-unzip-unrar-tool/id413971331?mt=8
      https://play.google.com/store/apps/details?id=com.estrongs.android.pop
      Intanto ti ho già inviato il .pdf direttamente al tuo indirizzo di posta elettronica.

  3. Emanuel

    Buonasera Angelo, la volevo ringraziare per quello che ha scritto in questo e anche negli altri articoli del suo blog.
    Ho trovato molto utile anche quest’ultimo perché avendo 3 Saloni nella città di Roma di cui 1 in un centro commerciale con molto passaggio, iclienti ai quali devo dire di no il fine settimana hanno numeri superiori a quelli riportati nel suo esempio.
    Siamo sempre gentili quando dobbiamo dire di no, ma alle volte capita anche qualche risposta frettolosa dovuta ai ritmi sostenuti che abbiamo. Leggendo con attenzione non posso che darle ragione perché nei nostri saloni ci siamo domandati spesso come ovviare in questi casi, ma ci siamo sempre detti, “tanto se vorranno ritorneranno da soli, abbiamo lavorato lo stesso”.
    Potrebbe anche starci bene, ma in un’ottica di miglioramento del coordinamento dei Saloni, non più. A ragion veduta visto che non sempre mi sono messo a fare veramente i conti.
    Ma le volevo chiedere, anche a pagamento logicamente, lei potrebbe inviarci la lettera di cui parla già completa per essere consegnata? Nel caso, dato che abbiamo già cominciato a raccogliere i dati dei clienti si potrebbe inviare anche via email? Lo chiedo anche perché spesso pur avvalendoci di un programma che fa anche da cassa e puo spedire direttamente ai clienti sconti e promo, non sappiamo minimamente cosa e come scrivere e quindi non lo usiamo mai.
    Sappiamo per certo attraverso un cliente in comune che lei è una persona affidabile nel suo lavoro ed è per questo che abbiamo deciso di contattarla.. Come gia detto paghiamo quello che c’è pagare.Inoltre sappiamo che lei tratta il marchio *****, mi potrebbe appena possibile dare il prezzo al tubo di colore ipotizzando un’ordine di circa 250 tubi? Grazie ancora per la sua utilità, rimango in attesa di un suo riscontro. Buona serata.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Buona sera Manuel, grazie per il commento e per la richiesta di contatto.
      La risposta alle prime due domande è si.
      Purtroppo non è il solo ad avere scelto ottimi strumenti, senza ricevere poi assistenza nel momento del bisogno finendo per lasciarli inutilizzati.
      Per la terza domanda, le ho appena inviato una email in privato, con tutti i dettagli e con alcune domande per capire meglio le sue esigenze e se le posso essere effettivamente utile.

  4. Sandra

    Fatto, ho preparato alcuni buoni a scadenza da spendere durante la settimana e gli ho consegnati ai clienti del venerdì e sabato che non avevano prenotato. È andata molto bene e tutte sono state molto contente di passare durante la settimana, approfittandone.
    Mi piace! Una cosa semplicissima da mettere in pratica, che mi ha portato già risultati. Grazie!

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Bene Sandra, alle volte le cose più semplici sono spesso le più sottovalutate.

  5. Roberta

    Ho appena finito di studiare tutti i materiali e volevo solo ringraziarti perché mi hai ridato le energie per uscire da una situazione abbastanza ingarbugliata del mio Salone.
    Roberta Acconciature dalla provincia di Parma

    Rispondi
  6. Romina

    Buongiorno Angelo, ho letto molto volentieri alcuni articoli e sono stati per me come una boccata di ossigeno.
    Il lavoro nel negozio non ci manca, ma mi rendo conto di guadagnare meno, oltretutto con un’impegno mio e dei ragazzi che lavorano per me, che definirei usurante per il mio fisico e per la testa.
    Lasciando perdere i fatti miei, ti volevo fare una domanda.Ho in Salone una nota marca di prodotti che mi rende sicura ma secondo me non mi fa guadagnare abbastanza. Non la vorrei cambiare, ma ne vorrei inserire un’altra, non so ancora quale, ma che mi permettesse di guadagnare di piu, ma che sia semplice e di qualità. Ora ci vorrei provare ma parlandone con i miei clienti mi rispondono tutti che se cambio prodotti non verrebbero più, o quanto meno ho notato molte perplessità, alcune mi hanno detto addirittura che verrebbero solo per farsi fare il taglio e la piega e che il colore, meches e servizi tecnici piu complessi se li farebbero da altre parti.
    Come risolveresti questo problema?

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Succede quando manca una corretta impostazione del Salone d’Acconciatura, che nessuno ti ha mai insegnato.
      8 Parrucchieri su 10, per non dire 10 su 10 affidano la comunicazione del proprio Salone unicamente alle aziende che scelgono. Questo modo di fare si rivela un’errore fatale. Può succedere quando non si è veramente sicuri al 110% dei propri mezzi e molto probabilmente, inconsapevolmente, hai trasmesso questa insicurezza ai tuoi clienti che antepongono il nome dell’azienda che hai scelto alle tue reali capacità. Praticamente stai lavorando per l’azienda e non per te e il tuo Salone! Non sei la prima e molto probabilmente neanche l’ultima. Non è colpa tua, ma questo è quello che succede in realtà. Le aziende non fanno altro che colmare questo vuoto, creato da un alto tasso di incapacità media del Parrucchiere di fare impresa. E se ne approfittano, lavorando per se stesse. Ma è ora di finirla, ed è proprio per questo che è nato questo blog. Chi meglio di me in qualità di rappresentante potrebbe conoscere il conflitto di interessi che c’è tra Parrucchiere e aziende? Infatti il Parrucchiere si definisce a tutti gli effetti un artigiano bravo solo con le mani, proiettato esclusivamente verso la formazione tecnico stilistica. Ma quando vi si parla di numeri, tattiche e strategie, per l’unico motivo che vi dovrebbe interessare, che sarebbe crescere in modo sano, girate gli occhi indietro a pesce palla e cominciate a sbadigliare! L’azienda che hai scelto e con essa i relativi prodotti sono solo un mezzo che deve servire a risolvere un problema del cliente! Fine!
      In verità i tuoi clienti non sono interessati minimamente all’ultima tecnica moda o al colore più coprente dell’azienda che metti in bella mostra. Quello che veramente vogliono è sentirsi sexy, desiderate ed attraenti. Si chiama conoscenza intima del tuo target. La conoscenza intima del tuo target cliente ti porta di conseguenza a riflettere in maniera profonda sui prodotti e sui servizi che vendi. Conoscere quello che vendi spesso cambia completamente le modalità in cui le vendi e le proponi. Tu, (ma anche gli altri Parrucchieri), non vendi in realtà un prodotto o un’azienda, ma vendi una speranza per le tue clienti di sentirsi accettate in questo mondo, attraverso il tuo prodotto (non quello dell’azienda), che si chiama “Nome del Tuo Negozio”. Purtroppo spesso capita di venire risucchiati nei dettagli della propria attività. Cominci a percepire i prodotti e i servizi che offri da un punto di vista troppo tecnico. Questo è un male perché ti fa perdere visione. Cominci a percepire te stessa, nel tuo intimo, come uguale agli altri. Come una semplice “cosa”. In quell’esatto momento ti dimentichi cosa stai vendendo realmente. Quando accade i tuoi messaggi verso i clienti diventano piatti, mentre la tua creatività crolla e ti sembra di non aver più nulla da dire. In quel momento cominci a ragionare come i tuoi concorrenti, e in quel momento stai dando il “bacio della morte” al tuo sudato Salone…e infatti i Saloni da Nord a Sud sono tutti identici!E il cliente in quel momento sai cosa fa? Ti sostituisce con un altro Parrucchiere due isolati più avanti! Per essere sicura che questo non accada più in futuro, prenditi un momento e pensa a quello che realmente vendi. Una speranza! I benefici non tarderanno ad arrivare in maniera sorprendente. Stampati nella mente che il tuo prodotto sei tu, e questa consapevolezza è un processo che inizia con:
      – una corretta impostazione del salone
      – servizi ad un prezzo che diano marginalità
      – obiettivi chiari e condivisi con il tuo personale
      – riunioni di controllo e comunicazione interna costante
      – un vero piano di marketing, (non il poster in bella vista con il logo dell’azienda che hai scelto)
      – sistemi per fidelizzare i clienti target
      – un percorso per avere chiare tutte le tappe della vendita dei servizi, quindi un corretto sviluppo clienti
      – azioni ed eventi stagionali di marketing
      per poi arrivare ad avere finalmente il cliente target seduto di fronte a te e sapere esattamente
      – cosa dire
      – come dirlo
      – quando dirlo
      Potresti accorgerti di essere uscita fuori dai binari, ma non c’è niente di più eccitante che rimettere il tuo “frecciarossa”
      in posizione e vederlo sfrecciare davanti agli occhi allibiti della concorrenza che si era illusa di passarti davanti!
      Se vuoi essere certa di partire in vantaggio c’è solo un team di meccanici a cui affidare il tuo bolide: http://www.parrucchierevincente.com/risorese-gratuite/

  7. Clara

    Angelo sei un grande professionista, serio e puntuale nel tuo lavoro, che svolgi con grande passione!
    Con te i tuoi clienti sono in una botte di ferro!
    Gli altri agenti con cui ho lavorato ti telefonano per l’ordine, e tanti saluti.
    Tu sei sempre disponibile e professionale, grazie a te e alle tue innovazioni sono sempre avanti!

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Grazie davvero per il tuo feedback, ma non è solo merito mio.
      E’ anche merito tuo e del tuo staff che con fatica e dedizione vi siete costruiti un Salone che vi ha portato ad avere clienti su clienti in modo sereno e soddisfatto.

  8. roberta

    Buongiorno, lavoro da 20 anni con una socia che fra un’anno andrà in pensione .
    Il nostro salone è in calo, un po per il vecchio arredamento e un po per mancanza di idee .
    Le nostre clienti non sono giovanissime e vengono alcune tutte le settimane, altre anche ogni due mesi.
    Quando la mia attuale socia andrà in pensione, subentrerà mia figlia, che lavora da 10 anni come dipendente.
    Vorrei trovare il modo per ringiovanire la clientela e far venire piu spesso le vecchie …come?
    Non siamo quasi mai al completo di venerdì e sabato, dipende, ma a volte è il contrario, grazie.
    Roberta

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Buongiorno Roberta,
      grazie mille per la tua attenzione.
      Anche se non ti conosco personalmente e non so praticamente nulla della tua situazione specifica, ti consiglio di iscriverti al volo alla newsletter del blog inserendo la tua email principale nel box azzurro che trovi in alto a destra, studiare il report gratuito che metto a disposizione, e tutti gli articoli del blog, aprendo e leggendo tutte le email che riceverai.
      ==>>clicca qui: http://www.parrucchierevincente.com/risorse-gratuite/ e ti garantisco che da oggi in poi tutto quello che ti mancherà non saranno più le idee.
      Se non vuoi allungare i tempi per rinnovare la clientela mentre vedi le presenze nel tuo Salone calare sempre di più, ti consiglio vivamente di leggere questa pagina e agire subito==>>http://www.parrucchierevincente.com/corso/
      Grazie mille per avermi contattato, a presto,
      Angelo.

  9. Stefania

    Ma quanto bello è?
    Mi sono iscritta ho ricevuto il report e letto tutti gli articoli e alcune email e mi chiedevo: ma quanto c***o scrivi?
    Cioe’ ma quanto devo leggere?
    A parte gli scherzi, bravo!!

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      …se non ti rompi le p***e per fare le cose, non ti interessa abbastanza 🙂 🙂
      Grazie Stefania!

  10. Lisa

    CIAO Angelo, scusa se ti disturbo di Sabato, volevo confermarti che ho finalmente provato keratin liss ed è stato una bomba.
    Ho fatto la consulenza correttamente, proposto il filler omaggio con la piega a pagamento tra due giorni, venduto il domicialre di mantenimento, incassato un botto ancora prima di cominciare il trattamento e la cliente non contenta, alla fine mi ha ringraziato e mi ha fornito seduta stante le referenze di altre sue due amiche che ha chiamato lei stessa per me, con appuntamento gia fissato.
    Ha fatto tutto lei 🙂 🙂 Grazie e buon week end…..Lisa, Parma

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Bravissima Lisa, hai visto che ci sei riuscita anche tu??
      Continua così, a presto…

  11. silvia

    Salve. Ho appena scoperto il suo sito e devo dire ch’è bravissimo, pieno di diverse idee! Purtroppo sono in una situazione critica, in cui veramente non so piu cosa fare. Ho il negozio in un paese piccolo ,dove ci sono altri 2 negozi. Dal momento in cui mi sono lasciata con marito,i guadagni sono peggiorati e purtroppo avendo da pagare 2 affitti in piu una bambina ,non so come riuscire a pagare tutto. A volte quando sono da sola mi metto a piangere per poter scaricare tutta la tensione.so che se non cambia qualcosa non riuscirò ad andare avanti , ma spero con tutto il cuore che questo non accade . ADESSO BASTA TRISTEZZE! SONO FELICISSIMA DI AVER SCOPERTO PER CASO QUESTO SITO ,PERCHÉ MI HA DATO UNA SPERANZA CHE TUTTO PUO CAMBIARE. CHE CHIUDENDO LA PORTA DEL NEGOZIO FINALMENTE POTRÒ DIRE: SONO CONTENTA DI AVERE QUESTO NEGOZIO! CONTINUERÒ A SEGUIRE TUTTI SUOI CONSIGLI. Per adesso GRAZIE PER AVERMI FATTO VEDERE LA LUCE DI SPERANZA IN UN TUNNEL LUNGO E NERO.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *