COME SFONDARE CON IL TUO SALONE D’ACCONCIATURA, IN UN SETTORE IN CRISI, GRAZIE A UNA NUOVA STRATEGIA STRACCIA CONCORRENTI

COME SFONDARE CON IL TUO SALONE D'ACCONCIATURA, IN UN SETTORE IN CRISI, GRAZIE A UNA NUOVA STRATEGIA STRACCIA CONCORRENTIUtilizza questo articolo come guida per costruire da zero una nuova strategia “straccia concorrenti” per il tuo Salone d’Acconciatura. Potrai applicare subito ciò che leggerai, anche se oggi fai del tuo meglio per gestire la tua clientela, (in modo che ti rimanga fedele nel tempo), o se al contrario, ti senti negata per la comunicazione, (pensando, che in fondo, l’importante, sia solo dimostrare ai tuoi clienti quanto sei brava con le mani).

Eviterai il più possibile la cosa che ti riesce più facile quando sei con i tuoi clienti, che sarebbe quella di limitarti solo a commentare la notizia di gossip del giorno su Novella 2000.

Perché certi Saloni d’Acconciatura non hanno risultati?

Anche quando si realizzano ottimi servizi colore, ottimi tagli alla moda ecc, ottenere il risultato di vedere ritornare il cliente non è un finale così scontato. Se un buon servizio colore, per esempio, non produce tale risultato, molto probabilmente non è sfruttato all’interno di una strategia. In pratica, hai svolto un’ottimo servizio colore, un’ottimo shampoo e piega, un taglio degno di essere chiamato tale, venduto un prodotto, ma la sua funzione, il modo in cui viene utilizzato, non seguono una logica chiara.

Realizzare una strategia per portare il tuo cliente abituale o potenziale, a tornare solo da te, e portarlo a spendere ancora, e ancora, ripetutamente, è ciò che devi fare per evitare di sprecare soldi e tempo.

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE PER SALONI D’ACCONCIATURA.

Definire cosa dire e come dirlo per fare in modo che nuovi potenziali o abituali clienti si avvicinino al tuo Salone d’Acconciatura è l’obbiettivo che dovresti avere. Fare ottimi colori, ottimi tagli, essere giustamente aggiornati su tutte le ultime tendenze moda e aspettare che qualcuno entri dalla porta non significa essere sicuri che ciò accada nella realtà. Possiamo parlare di strategia per i Saloni d’Acconciatura quando ogni elemento (prima, durante, dopo, l’arrivo del tuo cliente in Salone), prende forma, in funzione di obbiettivi precisi e rispettando le linee guida che sono frutto di un’analisi. Non si tratta quindi di “lavorare bene solo con le mani”, ma di produrre una comunicazione che ci aiuterà a raggiungere l’obiettivo desiderato.

Se ti interessa approfondire ti consiglio vivamente di dare un’occhiata qui.

Cominciamo subito, senza troppi giri di parole.

Segui passo dopo passo questi 7 punti per costruire una vera strategia per il tuo Salone d’Acconciatura, in grado di generare risultati, sfruttando le tue comunicazioni.

1-  OBIETTIVI: (in cosa deve aiutarti saper parlare alle tue clienti delle cose giuste?)

Quando chiedo a un Parrucchiere: “cosa vuoi ottenere dal tuo Salone d’Acconciatura?” tra le risposte più frequenti ricordo:

  • sfruttare tutte le opportunità per non perdere clienti
  • avere maggiore visibilità
  • avere nuovi clienti

Per quanto siano tutte richieste plausibili, non possono essere considerati dei veri e propri obiettivi. Anche quello che sembra essere un’obiettivo preciso (avere nuovi clienti), manca di precisione.

Ecco alcuni esempi di un’obiettivo definito:

  • nuovi clienti che non hanno mai sperimentato il nostro “servizio colore” e che preferiscono tingersi i capelli con una tinta da supermercato fai da te
  • nuovi clienti interessati a (fascia di prodotti o servizi specifici cute e lunghezze)
  • nuovi clienti che provengono da (settore lavorativo o area geografica specifica)

Come vedi è possibile definire molto precisamente l’obiettivo desiderato e questo dovrebbe coincidere con una necessità precisa del Salone d’Acconciatura e del tuo lavoro di parrucchiere.

Esigenze del Salone

Prendiamo ad esempio “nuovi clienti che provengono da un’area geografica specifica”. Potrebbe riguardare un salone d’ acconciatura molto radicato nel territorio e con una clientela storica che voglia espandersi in una nuova zona della città a cui però non riesce ad accedere per mancanza di budget pubblicitario, o altri motivi.

Ora è molto chiaro cosa dovrà fare la tua comunicazione e come potrà aiutare il Salone, perché è stato definito un obiettivo preciso e non vago come “avere nuovi clienti”.

Definisci i tuoi obbiettivi

Ragiona ora su quali obiettivi specifici potrebbero aiutarti a generare le tue comunicazioni, e definiscile nel dettaglio prima di procedere.
In pratica cosa ti risulta troppo complicato o costoso da realizzare con gli strumenti tradizionali, piuttosto che con strumenti moderni?

2-  TARGET: (il tuo cliente tipo)

Di solito i Parrucchieri e i loro Saloni definiscono il loro target nelle donne o negli uomini, nei bambini, o più in generale a tutta le “famiglie”.

Ma le “famiglie” non sono un target reale, perché vendere tutto a tutti non ti aiuterà a individuare contenuti efficaci per le tue comunicazioni.

Anche qui abbiamo un problema! Devi definire il tuo cliente tipo.

Analisi del cliente tipo:

l’analisi non è di tipo anagrafico (età, sesso, residenza), ma entra più in quelli che si definiscono bisogni e comportamenti. Cosa fa e di cosa ha bisogno esattamente il tuo cliente tipo? Costruisci il suo profilo in questo modo e avrai alcune linee guida preziose per la creazione dei contenuti delle tue comunicazioni, perché potrai scrivere e parlare pensando a un tipo di cliente specifico. Questo si tradurrà in comunicazioni che funzionano perché capaci di farsi leggere e ascoltare, ottenendo l’attenzione del cliente.
Bello, creativo, originale e ben scritto sono aggettivi che non contano NULLA se non rappresentano soluzioni mirate e rilevanti per il cliente.

3. ANALISI DELLA CONCORRENZA

Come comunicano gli altri parrucchieri?
Comincia analizzando:
• il modo in cui comunicano con i clienti (sito web, blog e social media)
• i contenuti (cosa dicono)

Se il loro messaggio riguarda esclusivamente le caratteristiche dei prodotti o dei servizi, parti in vantaggio. Se invece ci sono elementi differenzianti, e i benefici diretti per il cliente, è il caso di evitare gli elementi già sfruttati dalla concorrenza.

Perché non puoi dire quello che dicono anche loro?

Se lo comunicano già loro difficilmente potrai comunicarlo con successo agli occhi del cliente. È invece molto più saggio individuare un altro messaggio che ti identifichi in modo unico e aiuti il cliente a capire chi sei senza sforzo.

Il cliente deve capire SENZA SFORZO chi sei e cosa fai, ma soprattutto come puoi aiutarlo a differenza degli altri. Lo scopo di un messaggio che ti distingua dalla concorrenza è questo, ed è questo che ti farà guadagnare la sua attenzione.

Ad esempio alcuni Saloni associano i loro servizi e prodotti a concetti come:
• alta qualità
• proposte di servizi innovativi
• artigianalità
• specializzazione
• tecniche particolari (es. servizi colore esclusivi, innovativi metodi di decolorazione, ecc,)
• storicità (da oltre X anni)

Chiaramente non puoi attribuirti un elemento che non ti appartiene, ma il tuo potrebbe essere un salone esclusivo, legato a una particolare tecnica artigianale.
Se però la concorrenza comunica già in modo marcato questo concetto, sarà più utile sottolineare il tuo approccio innovativo o il concetto di specializzazione.

Mi è successo l’altro giorno……..…

avevo appena finito un’ incontro con un potenziale cliente, per capire assieme, come, scegliendo me come unico fornitore dei prodotti che vendo, avrebbe potuto migliorare la sua situazione, definendo una strategia per il suo salone. Non ho preso i suoi soldi eppure voleva pagarmi. Sai perché?

Voleva concentrare il messaggio sulla “qualità superiore” dei suoi prodotti (colori senza ammoniaca).
È vero? Forse sì. Conta qualcosa?

La qualità dei suoi prodotti NON CONTA NULLA.

Ho cercato di fargli capire che impostare una strategia che facesse leva sull’elemento qualità si sarebbe tradotto in un approccio debole e perdente e questo non perché le persone non vogliano prodotti di qualità, ma perché il messaggio “abbiamo prodotti di qualità superiore” non  aiuta a capire subito e senza sforzo in che modo ciò che fai,  può aiutare meglio degli altri.
Questo non significa che tu non possa dire che i tuoi prodotti sono di qualità, ma sfruttare la “qualità” come elemento centrale non aiuta.

4. INDIVIDUARE GLI ARGOMENTI (di cosa parlare o scrivere)

Una volta individuati con precisione:
– gli obiettivi (cosa si vuole comunicare al tuo target)
– il cliente tipo a cui rivolgersi
– gli elementi che possono aiutare il cliente a identificarti
puoi individuare i singoli argomenti da trattare.

5. ORGANIZZARE GLI ARGOMENTI

Senza sapere di cosa parlare con le tue clienti, sia quando sono in Salone, sia attraverso gli strumenti che il mondo moderno mette a disposizione (sito web, blog e social media), organizzando i contenuti con un piano di pubblicazione costante, non possiamo parlare di strategie per i saloni d’acconciatura. Una pubblicazione costante e programmata è lo scheletro di una strategia per il tuo Salone d’Acconciatura.
Puoi utilizzare un semplice documento word, creare un file condiviso online con chi collabora con te, o limitarti all’approccio tradizionale carta e penna. Ciò che conta è avere una traccia chiara per stabilire chi farà cosa e quando.

6. SCRIVERE E PARLARE: (realizzare i contenuti)

Scrivere e parlare a questo punto diventa più semplice. Non si tratta di un processo creativo, ma di un lavoro che è per buona parte analitico, (i punti che abbiamo individuato dall1 al 5) e che si traducono in un pecorso guidato dove buona parte delle variabili sono definiti in partenza.

Dato che oggi mi sento particolarmente generoso, voglio regalarti una traccia per scrivere contenuti che funzionano, anche se non sei un’esperta e non sai da dove cominciare.

Quando durante una consulenza mi chiedono se esista una traccia da seguire fornisco quella che segue. È una guida che garantisce di toccare tutti gli aspetti chiave che interessano il cliente, e che aumentano le possibilità di stimolare il suo interesse e ottenere la sua fiducia.

Eccola qui, completamente a tua disposizione e gratis:

  • SPIEGA CHIARAMENTE DI COSA PARLERAI
  • SOLLEVA IL PROBLEMA INIZIALE
  • SPIEGA IN CHE MODO INTERESSA DA VICINO IL CLIENTE (COSA RISCHIA)
  • OFFRI LA TUA SOLUZIONE
  • SPIEGA IN CHE MODO LA TUA SOLUZIONE È DIFFERENTE RISPETTO A CIO’ CHE
    OFFRE IL MERCATO E GLI ALTRI PARRUCCHIERI
  • OFFRI ELEMENTI DI CREDIBILITA’ (PERCHÈ PUOI AFFERMARE CON CERTEZZA CIO’ CHE DICI E SCRIVI)
  • INDICA IL PROSSIMO PASSO  PER RISOLVERE IL PROBLEMA (ON LINE: CONTATTO, SCARICARE REPORT INFORMATIVI, COMPILARE FORM. OFF LINE: COMPILAZIONE SCHEDA CLIENTE, OFFERTA CHIARA)

Questa traccia non è uno standard, considerala una soluzione che in mancanza di idee particolari ti permetteranno di andare a colpo sicuro.

7. GENERAZIONE DI NUOVI POTENZIALI CLIENTI: (strumenti di conversione)

Prescrivi la cura in modo chiaro e deciso. Si tratta di questo, in molti casi: on line, attraverso la richiesta della mail, la compilazione del form, oppure off line, attraverso la compilazione della scheda/soddisfazione cliente o qualsiasi altra azione che avvicini il cliente al salone. Questi sono strumenti di generazione di nuovi clienti. Il primo errore è quello di non utilizzarli affatto.

In pratica si diffondono contenuti o si eseguono consulenze o si fanno diagnosi e preventivi gratuiti, senza invitare in nessun modo il cliente a fare il passo successivo: una grande opportunità persa.
In altri casi il tentativo c’è ma non è corretto (strumenti o messaggi sbagliati).
Cura questa parte perché senza gli strumenti di conversione, le possibilità che il tuo approccio produca risultati si riducono enormemente.

Applica questi 7 punti e otterrai ciò che ti serve per creare e far funzionare una strategia chiara di comunicazione sui servizi e prodotti che vuoi spingere all’interno del tuo Salone d’Acconciatura, e avere finalmente clienti soddisfatte che non vedranno l’ora di tornare da te.

Ora, se vuoi approfondire, e ricevere tonnellate di materiale informativo nuovo di zecca, riguardanti il miglioramento del tuo Salone d’Acconciatura, prima che lo facciano i tuoi concorrenti, ti esorto a iscriverti gratuitamente qui, e a commentare l’articolo scrivendo nella maniera più dettagliata possibile la descrizione di cosa faresti tu. Ti aiuterò con le mie indicazioni a capire se stai andando nella direzione corretta e cosa puoi eventualmente perfezionare.

Ti aspetto nei commenti.

Angelo

PS: “In futuro valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà anche in grado di darti soluzioni!”

10 pensieri su “COME SFONDARE CON IL TUO SALONE D’ACCONCIATURA, IN UN SETTORE IN CRISI, GRAZIE A UNA NUOVA STRATEGIA STRACCIA CONCORRENTI

  1. paola

    Grazie per gli ottimi spunti di riflessione. Non ho avuto tempo di mettermi al lavoro subito, ma comincio stasera stessa a mettermici sopra. Sarà un lavoro lungo ma ci devo riuscire! Lo devo ai ragazzi del mio staff,e a me stessa! Anch’io ti consiglio a tutti gli altri parrucchieri. A proposito i nuovi prodotti che mi hai mandato sono piaciuti molto, grazie a presto.

    Rispondi
  2. liliana

    Quello che ho letto mi piace, punti di vista davvero interessanti e insoliti.
    Mi iscrivo alla news letter e mi metto al lavoro.
    Prevedo notte lunga allora.
    Se dovessi avere qualche domanda posso farla direttamente qui?
    Grazie davvero.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao, mi fa piacere che tu abbia trovato questi contenuti interessanti.
      Sei la benvenuta, buon lavoro.

  3. franca

    Buon giorno, Angelo,
    Volevo ringraziarti pubblicamente per la velocita con la qule mi hai spedito i prodotti. E’ andato tutto bene, sono arrivati il giorno dopo!
    Inoltre un sincero grazie per avermi risolto il problema degli acquisti del mio salone nell’ ultimo semestre dell’anno in corso. Se avessi continuato ad ascoltare i miei due attuali rappresentanti /aziende , avrei speso una marea di soldi in finte offerte miracolose per poi ritrovarmi come sempre a lavorare come una matta per portarmi a casa a malapena lo stipendio. Grazie a te e a quello che scrivi ho capito che tutte quelle bellissime false promesse di passarelle e luci della ribalta che mille aziende ti fanno, non hanno senso se prima non si impara a come far girare il salone. Non che prima non lo avessi capito, ma alle volte mi fa bene se me lo sento dire e ripetere! Il problema e che nessuno te lo dice….troppo comoda cosi….Devo ammettere che prima di contattarti ci ho pensato due volte, ma adesso sono molto contenta perche almeno fino alla fine dell’anno non devo piu pensare a che prodotti acquistare e perdere tempo a fare tutti quei conti per scoprire di far guadagnare sempre prima le solite note, per ritrovarmi con i magazzini pieni di merce invenduta. LASCIAMO STARE, che e meglio…
    Adesso grazie, ci sentiamo presto e ti consiglio a tutti!

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Wow, ma grazie a te e per la tua fiducia.
      Ricorda che ogni Parrucchiere ha il diritto di imparare come incrementare le vendite,
      moltiplicare i propri profitti e far fruttare ogni risorsa nascosta e sottovalutata del proprio Salone d’Acconciatura.
      Grazie!!

  4. sabrina

    Prendo spunto da questo articolo per condividere la mia esperienza e giudizio su Angelo. SEMPLICEMENTE FANTASTICO! Lo abbiamo contattato per un possibile problema di approccio con i clienti la cui frequenza vediamo leggermente diminuire. In poche ore e’ intevenuto con l’ausilio di alcune domande mirate e direi parecchio intelligenti, prima di proporre come tutti gli altri venditori delle soluzioni costose o dei prodotti standard il cui inserimento sarebber potenzialmente dannoso non basato sulle caratteristiche specifiche del nostro caso concreto.. Ha suggerito cosa fare e sopratutto cosa non fare, sconsigliandomi di procedere nel mio caso in inutili e costose forme di pubblicita o peggio continuare a comprare prodotti per attirare o fidelizzare iclienti. La differenza fondamentale rispetto ai molti altri rappresentanti di aziende simili alle quali mi ero rivolta e’ che: non propone nulla finche’ non capisce di persona la situazione e il caso specifico. Sa di cosa parla e ha una competenza a 360 gradi non comune. E’ onesto e gentile, a distanza di settimane continuo a fare domande e a ricevere suggerimenti e risposte. Davvero impareggiabile. Lo consiglio davvero a tutti i parrucchieri, ma sappiate che la pappa pronta non esiste e che persone come Angelo bisogna imparare a cercarle. Se volete diventare piu utili e piu importanti per i vostri clienti!
    Grazie!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *