ECCO QUELLO CHE I PARRUCCHIERI PIU’ DI SUCCESSO IN ITALIA SANNO SU COME TROVARE CLIENTI. E AUMENTARE I GUADAGNI!

pppLeggendo con attenzione l’articolo di oggi, capirai perché se sei un Parrucchiere con un Salone d’Acconciatura nella città di Parma, città che ho scelto ad esempio giusto perché è proprio la mia zona di lavoro, stai perdendo circa 75,600 euro ogni anno con il tuo Salone di Parrucchiere, e perché non ci hai mai fatto caso.

Certo! Sono un sacco di soldi e se fossi in te continuerei a leggere con attenzione le prossime righe, a meno che nel giro di pochissimi mesi tu non voglia essere annoverato tra gli ex Parrucchieri della tua città.

Beh userò un’esempio reale per dimostrarti che non sto scrivendo tanto per scrivere, e ti mostrerò esattamente cosa potresti fare in modo che quei 75,600 euro ritornino nelle tue tasche piuttosto che in quelle dei tuoi concorrenti.

Ma prima di farti vedere i dati, voglio spiegarti:

  • perché perdi così tanti soldi ogni anno.
  • perché non te ne sei mai accorto.
  • perché nessun venditore e nessuna azienda si è mai degnato di fartelo notare…..

Ignorare questo dato costa al tuo negozio di Parrucchiere 1,575 euro alla settimana!

Vorrei cominciare dicendoti, che se non te ne sei ancora reso conto:

“i tempi sono cambiati”.

In queste quattro parole sono racchiusi tutti i perché della tua situazione non proprio florida, e anche se stai pensando che tutto sommato non ti va proprio male, che non sia il tuo caso perché tanto con il tuo lavoro ci mangi ancora, al tempo che passa non si sfugge.

In effetti dagli anni 90 sono passati 25 anni, che sono in termini di business, e non solo, una valanga di tempo. Questo perché il mondo contemporaneo si evolve ad una velocità sorprendente. Eppure tu, (ne sono praticamente certo, perché sono sulla strada a vendere ai Parrucchieri dalla mattina alla sera), non sei riuscito a cambiare direzione così velocemente.

Intendiamoci: non voglio farti sentire in colpa.

Ti sto parlando di cambiamenti che praticamente quasi NESSUN Parrucchiere ha eseguito in Italia, non sei certamente il solo, e che nessuno si è mai preso il disturbo di spiegarti.

Questo perché?

Solite motivazioni, ma sopratutto perché quando si tratta di tematiche commerciali nel settore dei Parrucchieri siamo ancora molto indietro. Infatti, mentre negli altri settori si parla di internet, smartphone, marketing, moltissimi Parrucchieri parlano ancora di prezzo, qualità e cortesia.

Il prezzo, la qualità, la cortesia sono indubbiamente fattori importantissimi, tanto importanti quanto le capacità tecniche, ma ormai per il cliente del 2015 sono semplicemente presupposti minimi che chiunque si aspetta di trovare quando entra nel tuo salone, perché semplicemente li da per scontati!

Ma ti invito a seguire il ragionamento che sto per fare perché è fondamentale per capire il seguito dell’articolo di oggi:

internet e le nuove tecnologie hanno cambiato tutto!

Anche il settore dell’Acconciatura Professionale!….e quei Parrucchieri che non lo hanno ancora capito, se non si adeguano ORA, rimarranno talmente indietro rispetto a tutti gli altri concorrenti che non riusciranno mai più a recuperare lo svantaggio.

Ho creato il blog del Parrucchiere Vincente, non solo per svelarti come fare a migliorarti, ma anche come farlo nel minor tempo possibile. A riprova che quello di cui parlo non siano concetti da prendere alla leggera, vorrei fornirti qualche dato. (Ignoralo e ti costerà la bellezza di 1,575 euro alla settimana.)

Prendo ad esempio il territorio sul quale lavoro e più nello specifico la città di Parma.

Parma ha 189,151 abitanti di cui circa 96,467 donne, (51%). La fascia di età che ci interessa è quella tra i 20/24 anni e 50/54 anni che rappresenta il 49% cioè 47,260 donne tra i 20 e 54 anni che danno molta importanza allo stile e che vogliono essere sicure che un Parrucchiere sia in grado di fare veramente quello che hanno in mente.

Da un recente studio si apprende che  Il 67% degli Italiani possiede uno Smartphone, diventando lo strumento più diffuso nelle famiglie Italiane ed anche se con un po’ di ritardo anche l’Italia sembra avviarsi a diventare iper connessa. Lo Smartphone viene usato per chiamare ed essere chiamati, mandare messaggi, email, e non da ultimo per utilizzare i servizi internet.

Ma perché ho detto e continuo a ripeterti che questo dato ti costa ogni settimana 1,575 euro?

Perché se letto assieme ai dati che sto per fornirti ci consente di trarre delle conclusioni che definirei molto interessanti, ma che nessuno ha mai avuto il coraggio di rivelarti e che tu sottovaluti ogni giorno che passa perché tanto continui a giustificarti ripetendoti che tanto la gente non spende più come una volta e che è difficile trovare nuovi clienti!

Da una ricerca è emerso che il 30% degli utenti Smartphone effettua ricerche riguardanti negozi di Parrucchieri e di queste il 90% portano a usufruire di un servizio entro un giorno e addirittura il 64% entro un’ora. 

Si hai letto bene: il 90% di queste ricerche portano a usufruire di un servizio entro un giorno e addirittura il 64% entro un’ora.

La faccenda si fa interessante vero?

Bene allora permettimi di riassumerti la situazione perché voglio essere sicuro che non ti sfugga niente: il 67% degli Italiani usa il proprio smartphone e il 30% di questi cerca attivamente dei Saloni d’Acconciatura dove poter andare.

Cioè esiste una moltitudine di potenziali clienti che ogni giorno vuole spendere i propri soldi per essere più bella.

Ti domando quindi: cosa fai per intercettare le richieste di queste persone, convincerle che il tuo Salone d’ Acconciatura sia il migliore e indirizzarle proprio verso l’ingresso del tuo negozio?

In altre parole: quante delle persone che ricercano un Salone d’Acconciatura in maniera attiva scelgono il tuo piuttosto che quello di qualunque altro?

Purtroppo pochissime, o meglio, non quante potrebbero essere! Sono certo al 99% di quello che dico perché scegliere TE o un qualsiasi tuo concorrente dipende da un sacco di fattori:

  • Dipende se i potenziali clienti ti trovano oppure no. (Se non ti fai trovare e non sai farlo nella maniera corretta stai pur certo che non riusciranno a trovarti, anche perché il 70% dei Parrucchieri in Italia non ha una presenza decente in internet.)
  • Dipende se piacerà loro ciò che troveranno. (Se non fai di tutto per farti preferire rispetto a tutti gli altri concorrenti, i potenziali clienti avranno comunque l’imbarazzo della scelta, mentre il tuo compito è quello di farti preferire ad ogni costo.)
  • Dipende dalla tua reputazione on line. ( Se hai il sito non aggiornato da anni, oppure pieno di animazioni e musichette, le persone odiano cose del genere, ci sono altissime probabilità che non sceglieranno te.)
  • Dipende dal passaparola offline. (Se la tua reputazione sul territorio è pessima, purtroppo i tuoi clienti lo verranno a sapere. Ricordati che il passaparola rimane una formidabile arma, sopratutto se amplificata dall’effetto internet.)

Detto ciò, permettimi di fare un’esempio pratico, giusto per farti capire che parliamo di un sacco di soldi che stai lasciando sul tavolo e che, ci tengo a fartelo sapere, mi piacerebbe che finissero nelle tue tasche!

Ecco perché stai lasciando ad un tuo concorrente ben 1,575 euro la settimana….

Ci sono buone possibilità, che riprendendo i dati di prima (sola città di Parma a puro titolo di esempio), tu abbia un bacino di utenza totale di circa 47,260 donne potenzialmente interessate ad un taglio, un colore o una piega o altro servizio professionale. Poco più sopra ti dicevo di come il 67% degli italiani possiede uno smartphone e che circa il 30% lo utilizza per ricercare un Parrucchiere dove poter spendere i propri soldi.

Ricordi? Bene…

Se applichiamo queste percentuali alle 47,260 donne tra i 20 e i 54 anni che compongono il bacino d’utenza totale della città di Parma (se avete il salone altrove fatevi i vostri conti), vuol dire che 9,499 donne circa, ricercano attivamente un Salone d’Acconciatura dove poter farsi più belle…….e potrebbero scegliere proprio te.

Sulle basi di questi numeri ti domando:

” è almeno plausibile che seguendo i consigli e le strategie che Parrucchiere Vincente ti mette a disposizione in questo blog si possa intercettare lo 0,1% di quelle 9,499 donne e farle venire a farsi fare i capelli nel tuo Salone d’Acconciatura?

Non sto dicendo di intercettarne il 40% o il 30% o il 20%, sto parlando di un catastrofico 0,1%! Tutto sommato direi che questo sia un’obbiettivo facilmente raggiungibile.

Ok, quindi nell’ipotesi in cui riuscissimo a portare quel misero 0,1% dentro il tuo salone, questo ammonterebbe circa a 9 persone (9,49 per l’esattezza). Quindi ogni giorno queste 9 persone potrebbero preferire PROPRIO TE a chiunque altro, tra quelle che cercano un Parrucchiere nella città di Parma. Detto più semplicemente avresti 9 clienti nuovi ogni giorno.

Ci siamo?

Tieni duro ancora per un’attimo, lo so che non ti piace fare i conti e che preferisci creare un bel taglio o un bel colore, ma tieni duro che tra qualche riga ho finito 🙂

Quanto potrebbero spendere a testa? Facciamo un conto medio di 35 Euro? Taglio e piega?

Beh facendo i conti a spanne sarebbero circa 315 euro al giorno, che se la matematica non è un’opinione fanno 6,300 euro al mese (ho supposto 20 giorni lavorativi).

E MI POSSA VENIRE UN COLPO QUI SUBITO E ADESSO SE NON SAREBBERO 75,600 EURO ALL’ANNO!!!

Il tutto intercettando un misero 0,1% delle donne che ricercano attivamente un Parrucchiere da smartphone nella sola città di Parma.

E attenzione i dati che ti ho mostrato sopra sono calcolati usando una manica davvero larga.

Infatti non ho tenuto conto di tantissimi fattori che potrebbero migliorare quel risultato.

Cioè:

  • non ho tenuto conto che se ognuna di quelle 9 persone parlasse bene di te alle amiche, i soldi che lasceresti sul tavolo sarebbero molti molti di più. A quante persone e conoscenti quelle donne potrebbero parlare del tuo salone?
  • non ho tenuto conto del fatto che lo 0,1% è un dato terribile, e si potrebbe tranquillamente, vista la tua concorrenza messa come il “2 di picche” e utilizzando tutte le strategie che ti metto a disposizione qui sul blog, arrivare a fare molto meglio. (se tu mettessi in pratica).
  • non ho nemmeno tenuto conto di tutte quelle donne che ricercano da PC, da Tablet o utilizzano altre diavolerie.
  • e potrei continuare così fino ad annoiarti.

Quindi te ne sarai sicuramente accorto, ho fatto delle stime al ribasso, anzi di più.

Questo per dirti che lavorando fianco a fianco, impegnadosi seriamente e facendosi il “culo a capanna”, “come diceva mio nonno”, applicando tutto il sistema Parrucchiere Vincente si possono raggiungere risultati incredibili. E non ho usato la parola “incredibile” a caso.

Ho usato questa parola perché sono certo che non ci crederesti mai.

Ti sto dicendo che potresti avere molta più gente interessata a quello che fai nel tuo Salone d’Acconciatura.

Ma il mio modo di lavorare, te ne sarai accorto, non è rivolto a tutti i Parrucchieri, ma solo a quelli che vogliono veramente ottenere miglioramenti e hanno voglia di cambiare le cose. Infatti hai la possibilità di essere il primo Parrucchiere un passo avanti a tutti i tuoi concorrenti leggendo anche queste singolari informazioni!

Eppure posso fare questo e molto di più per te e la tua attività di Acconciatore.

Contrariamente ai miei concorrenti venditori (cioè quelli che cercano di venderti solo prodotti), fornisco, anche attraverso questi articoli, spunti e riflessioni per tutti quei professionisti  dotati di un minimo di voglia di crescere. Sta solo a te decidere se vuoi migliorarti con me, con un’altro, o rimanere come sei.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti invito a scrivermi nei commenti qui in basso per espormi i tuoi dubbi e le tue difficoltà in merito a questo argomento.

Se invece desideri approfondire ulteriormente, allora compila il il form per metterti in contatto direttamente con me in persona. Potrai farmi una domanda specifica e solo una.

Riceverai una mia risposta entro Max 48 ore, e non ti chiederò un centesimo.

Alla prossima, Angelo.

PS: In futuro valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà anche in grado di darti soluzioni!

 

 

31 pensieri su “ECCO QUELLO CHE I PARRUCCHIERI PIU’ DI SUCCESSO IN ITALIA SANNO SU COME TROVARE CLIENTI. E AUMENTARE I GUADAGNI!

  1. Roberta

    Ho trovato quest’articolo interessantissimo, ed effettivamente ti devo dare ragione sul fatto che noi parrucchieri siamo sempre stati abbastanza sfruttati dalle solite note aziende, e il nostro sforzo piu grande in futuro dovra’ essere quello di diventare dei veri e propri imprenditori smettendola di nasconderci dietro i soliti marchi. So di avere del talento con le mani, ma devo ammettere di aver fatto molti errori che avrei evitato se avessi creduto piu in me stessa. Grazie di cuore, Roberta, Parma.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Roberta, davanti a te hai tutto il tempo per recuperare.
      Hai già fatto il primo passo!

  2. erik

    Salve interessante quel che ho letto , sto per aprire a Savona ho 3 parrucchieri vicino e’ trentun’anni che faccio questo lavoro son un po’ un cavallo pazzo !! amo il mio lavoro a volte son incompreso forse starei meglio a Londra cmq …son combattuto se mettere un listino basso da far quantita’ e dall’altra vorrei farmi pagare per quel che lascio in testa … (visti i tempi e vista la nuova apertura farei colore taglio e piega 35 taglio uomo 10 taglio e piega 20 ) anche perche’ son dell’idea che la via di mezzo e’ destinata a chiudere quindi o a prezzo o locale da fighetti che ti cartellano alla cassa boooohh?? Erik Grazie… che Faccio!!??

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Benvenuto Erik, grazie per il tuo commento e complimenti per i tuoi 31 anni di attività.
      Provo a rispondere con i pochi elementi che mi hai dato.
      Sicuramente Londra darebbe maggiori possibilità di esprimere la tua creatività essendo molto aperta nei confronti delle personalità originali, particolari,stravaganti e controtendenza come penso che tu sia. Ma siamo a Savona.
      Tuttavia proprio perché hai la fortuna di avere 3 Saloni d’Acconciatura vicini al tuo e dato che ti definisci “un cavallo pazzo a volte incompreso”, se fossi in te lavorerei per creare un Salone che comunichi chiaramente ai potenziali clienti il tuo modo di essere. Quindi, per quanto possibile studia a modo questi 3 concorrenti con un’analisi approfondita. Trova degli “angoli” che loro non stanno curando particolarmente: potrebbe essere il loro modo di comunicare chi sono, cosa fanno, perché lo fanno i prodotti che usano i servizi che propongono. Vedrai se non mi sbaglio quando affermo che nel 99% dei casi saranno completamente uguali tra di loro.
      Quindi attaccali dove loro stessi ti danno la possibilità di essere attaccati, facendo esattamente il contrario di quello che fanno e di quello che sono. Trova in te stesso e nel tuo modo di fare le cose, un’idea, un qualcosa di inedito, singolare che ti consenta di essere riconosciuto per una tua, (per quanto possibile e vera), unica differenza. Non raccontare balle, di solo la verità!
      Potrebbe essere: il colpo d’occhio, la cosa strana, il fatto che tu abbia avuto un’idea controtendenza, il fatto che tu sia uno che sa osare.
      Dopo di che comunicalo giorno dopo giorno a tutti i nuovi e abituali clienti target che verranno attratti a te riconoscendoti proprio per le tue differenze. Non fare l’errore di uniformarti, tanto meno nel listino prezzi, che deve tassativamente essere proporzionale alla qualità che eroghi nei tuoi servizi. Osa!
      Per ora ti saluto 🙂

      PS- iscriviti subito alla news letter per ricevere subito il report che ho preparato, prima che decida di toglierlo dalle risorse gratuite. Ti sarà molto utile!
      Continua a seguirmi.

  3. erik

    Buongiorno grazie per i consigli .. diciamo che quel che ha scritto (non per superbia) li mettevo quasi tutti gia’ in atto , mi ha dato la conferma che non sbagliavo piu’ di tanto , il listino ormai l’ho fatto con dei prezzi bassi colore da 18 , ondulazione da 18 talio e piega da 20 meches da 25 taglio uomo 15 ecc ecc magari in futuro li aumentero’… potrei inventarmi (prezzi bloccati fino a Dicembre!!) saluto e grazie di cuore.. ERIK.

    Rispondi
  4. Pamela

    Buonasera, trovo molto interessante tutto ciò che ho letto, forse un pochino più difficile da attuare. Credo che a volte manchino proprio le conoscenze per attuare nuove e vincenti strategie, resto comunque molto interessata e ben predisposta a nuove iniziative che mi facciano continuare ad amare il mio lavoro che ormai mi è compagno da 27 anni. Mi iscriverò sicuramente. Grazie.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Grazie per il tuo commento e la tua iscrizione.
      Anch’io mi auguro che quanto leggerai, ora e in futuro, possa in qualche modo, aprirti a nuove conoscenze, e che attraverso la riflessione e lo studio tu possa trovare la chiave per metterle in pratica, adattandole al tuo caso specifico.
      Sei la benvenuta!

  5. Vincenzo

    Ciao Angelo con i tuoi consigli nel corso di Parrucchiere Vincente che ho da Luglio mi sta dando ottime idee da inserire nel salone,ho già inserito una reception che non avevo,e mi sto attivando per creare un blog.

    Rispondi
  6. Linda

    Ho trovato tutto vero quello che hai scritto, solo che spesso si è talmente presi dal lavoro che non si trova il tempo per valutare queste cose ,che sono importantissime…io invece sono combattuta nel decidere se mettermi in proprio dopo 15 anni di lavoro o entrare in società con il mio attuale datore di lavoro visto che è un po’ che me lo propone.. Tu cosa dici?

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Linda, grazie per la domanda.
      Non conoscendo il tuo caso specifico, sinceramente non saprei.
      Capisci che sono scelte del tutto personali, che sinceramente puoi valutare solo con te stessa.
      Quello che posso suggerirti, (perché è un’errore che ho commesso anch’io e che vedo commettere nei Saloni tutti i giorni),
      è che al netto delle tue capacità tecnico/stilistiche, che dò per scontate,
      qualsiasi decisione tu decida di prendere è molto meno importante
      della base solida sulla quale costruire il tuo marketing, le tue vendite e come logica conseguenza
      il tuo successo come Parrucchiere Professionista.
      Quello che vado ripetendo in questo blog è l’esatto contrario della prima riga e mezzo del tuo commento.
      L’ultima volta che ti sei trovata davanti a un’impegno vero e importantissimo, ma che hai rimandato perché eri “presa dal lavoro”,
      ricordi per caso come fosse andata a finire?
      Dacci dentro!

  7. Davide Copelli

    Ciao Angelo
    Leggo sempre i tuoi articoli con grande interesse e posso affermare che ho trovato un miglioramento nel mio negozio a partire dai miei collaboratori.
    Stiamo mettendo in atto tutti i tuoi preziosi consigli e mi piacerebbe, se fosse possibile, anche più avanti poterti incontrare di persona .
    Grazie mille
    Davide

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Davide, faccio il possibile, e detto da un professionista come te, non può far altro che farmi enorme piacere.

    1. Angelo Autore articolo

      Datti una scadenza spietata. Qualsiasi cosa fai o ti proponi datti una scadenza anche per le cose piu’ elementari.
      Che succede se ti dai un tempo indefinito per completare un compito? Che l’azione si espande all’infinito e niente viene portato a termine in tempi rapidi. Si tratta di un modo per educare il tuo cervello ad essere produttivo. Per cui datti una scadenza su TUTTO. Perchè? La scadenza ti innesca la spinta interna per produrre quel 20% di fatica che ti produrrà l’80% dei risultati.
      La scadenza ti fa scartare subito tutte le altre alternative inutili e ti porta subito a fare una scelta, quella che reputi la più utile e opportuna per il momento. Poco importa che la decisione non sia la più perfetta, sarà comunque buona, cio’ che a noi interessa è il focus sull’efficienza, ed efficienza molto spesso significa aumentare la velocità dei processi.
      Quindi metti una scadenza al tempo di completamento dell’intero progetto, e non solo, metti una scadenza per ogni singolo componente o micro compito che devi portare a termine e che fa parte del progetto principale.

  8. Antonella

    Ciao angelo, ho letto tutte le tue proposte per migliorare sempre di piu il nostro bellissimo lavoro…… Ma che grinta haiiiii

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Antonella,
      grinta da vendere 🙂
      Grazie per il commento e continua a seguirmi.

  9. Basilio

    Complimenti quello di cui parli presuppone un vero salto di mentalità. Non so quanti colleghi parrucchieri saranno in grado di capire e mettere in pratica. Io nel mio piccolo sono rimasto affascinato dai tuoi consigli e come sai faccio del mio meglio piano piano, anche perché da fare c’è ne. Tutti i tuoi materiali sono di alto livello e te lo dico io che di corsi di marketing eccetera ne ho fatti assai. Ma permettimi una parola ai colleghi: non comprate niente da questo ragazzo, cosi continuerete a non capire niente e i clienti me li prendo tutti io…. ciao bello e complimenti, sei un grande….
    Ciao da Napoli…

    Rispondi
  10. G.G.

    Molto piacere, mi chiamo G. G. agente *************.Trovo i suoi articoli molto interessanti, purché non perdano l’obiettivo primario: elevare la categoria degli acconcatori/trici.
    Mi piace quando dice “… a differenza dei miei concorrenti che cercano di vendere solo prodotti…”, lei è stato uno di quelli, immagino.Oggi, ha acquisito dei nuovi processi, utili per il settore, tuttavia non dimentichi da dove è partito.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Salve G. mi fa piacere che gli articoli siano stati di Suo gradimento,
      tuttavia avverto tra le righe un sottile tentativo di aprire delle polemiche.
      Spero di sbagliarmi perché se così fosse vorrebbe dire che sto perdendo del tempo
      per risponderLe, che potrei utilizzare per fare cose più utili.
      Detto questo, non vedo nessun motivo valido, ne ora e ne in futuro per: -usando le Sue parole- “perdere l’obiettivo primario”.
      Perché dovrei? Semmai è il contrario.
      Il giorno in cui decidessi di smettere di aggiornare il sito a perdere sarebbero tutti quei Parrucchieri che abbiano accettato la dura realtà.
      Cioè che un Salone d’Acconciatura di fascia “media” senza un posizionamento chiaro e definito sui propri punti di forza
      e NON i punti di forza di qual si voglia azienda che hanno scelto, in un settore iper-saturo, o cambia modello di business o viene spazzato via.
      E’ una legge, come la legge di gravità.
      Non ci possiamo fare nulla ne io ne Lei, quindi meglio saperlo prima
      di far la fine di certi Parrucchieri. (cioè diventare prima non voluti, poi inutili, poi estinti)
      [“Mi piace quando dice “… a differenza dei miei concorrenti che cercano di vendere solo prodotti…lei è stato uno di quelli, immagino”]
      [“Oggi, ha acquisito dei nuovi processi, utili per il settore, tuttavia non dimentichi da dove è partito”]
      Per quanto mi sarà possibile, ieri come oggi, combatterò fino all’ultima “goccia di sudore” per combattere le scemenze che mi tocca ascoltare tutti i giorni sul nostro settore da qual si voglia “figura” e semmai ci fosse qualcosa o qualcuno di cui non vorrei MAI dimenticarmi è il senso di riconoscenza e il senso di amicizia verso quelle persone che per me hanno fatto molto e con cui sarò sempre in debito morale, tanto per cui, qualunque gesto da parte mia non sarebbe mai vicino a pareggiare le cose…
      Senza offesa, ma non capisco chi sia Lei per ricordarmi di non dimenticarmi da dove sono partito.

  11. Luca

    Molto interessante il tuo articolo come tanti altri tuoi, io ho 51 anni e faccio questa splendida professione da quando ne ho 15 e non nego che questa situazione di stallo lavorativo comincia a preoccuparmi non poco , ho 2 Micro saloni nella hinterland milanese falcidiato da cinesi e colleghi che non sanno vendersi , demoralizzante questo ma io ho ancora tanta voglia di fare ….è ora di cambiare mentalità

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Luca,
      grazie per il tuo commento all’articolo e complimenti sinceri per la passione e la curiosità con cui svolgi tuttora questa professione, come fosse il primo giorno!
      Ho scritto un post, tempo fa, proprio su questo argomento, guarda il video e leggi cliccando qui => http://www.parrucchierevincente.com/articolo/
      e non dimenticare di dare un’occhio a questa pagina => http://www.parrucchierevincente.com/corso/
      Sono certo che la parola “demoralizzante” verrà cancellata letteralmente dal tuo vocabolario e scoprirai dove non devi sprecare tempo, soldi ed energie e dove invece veicolare queste risorse per ottenere il massimo rendimento possibile e iniziare la tua scalata verso un vero cambio di mentalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *