PARRUCCHIERI & MARKETING: L’ETERNO DILEMMA!

file6561235526539Forse non lo sai, ma probabilmente rientri nel 99% dei Parrucchieri che stanno cercando quell’ingrediente segreto per avere il successo che ti meriti, a causa della disinformazione che circola sull’argomento.

Ogni giorno ricevo decine di email e domande su come possa essere utile fare marketing per il proprio Salone d’Acconciatura. Tutti vogliono più appuntamenti e clienti, desiderano guadagnare di più, maggior tempo libero, ma la maggior parte dei Parrucchieri con i quali entro in contatto si ritrova poi a lasciar perdere qualunque tentativo e forma di promozione cadendo nella pura depressione continuando a fare quello che hanno sempre fatto, come lo hanno sempre fatto, sottovalutando alla grande il modo corretto di fare le cose.

Grave errore, amico mio.

Ho scritto diversi articoli su come migliorare il rapporto con i clienti e riposizionare il Salone nell’unica maniera corretta che conosco e ho visto che molti hanno tentato di migliorare in autonomia la loro comunicazione attraverso i social media o con il classico sito web.

L’intero processo per attirare i clienti è così caotico che si ritrovano schiacciati e abbandonano, per continuare a fare ciò che hanno sempre fatto: lavorare 14 ore al giorno con le mani (è come fanno tutti), senza un sistema, senza una strategia o un piano.

Dopo aver visto ripetere la stessa scena per moltissime volte, oggi ho deciso di fare un po’ di chiarezza, ed è per questo che ho deciso di dirti ciò che penso veramente del marketing per Parrucchieri, come funziona, quali sono gli obiettivi, come fare il primo passo.

Quindi se anche tu sei un Parrucchiere già attivo o vuoi diventarlo, leggi al volo tutto l’articolo di oggi perché entrerò ulteriormente nei dettagli sul perchè ho deciso di divulgare pubblicamente cosa significa fare marketing per il tuo Salone d’Acconciatura, dato che per molti questa parola ha assunto nel tempo un significato simile a una bestemmia o a una truffa e perché nessuna azienda o rappresentante con cui entri in contatto, si è mai preso il disturbo di farsi un culo quadrato per spiegartelo in qualche modo.

Infatti molti pensano che sia solo una perdita di tempo e soldi e preferiscono delegare la comunicazione del proprio Salone d’Acconciatura al nome dell’azienda cosmetica preferita attraverso le loro promozioni, (non le tue), o a uno di quei programmi per Parrucchieri che fanno di tutto: da stampare le ricevute fiscali a mandare un sms alla cliente che non viene più da due mesi, salvo poi non capirci assolutamente una mazza, continuando a dover pagare fatture salate per un’ipotetica assistenza.

L’unica strada, caro mio, è quella che certe cose le devi imparare prima tu, nessuno si potrà sostituire a te e alle tue competenze.

Da qui in poi, potrai scegliere la tua strada, decidere di approfondire, con me o con qualcun’altro, oppure mollarci e fare come hai sempre fatto, la scelta è solo tua.

I CLIENTI SONO TUTTI MATTI

Dopo quasi 15 anni di vendita diretta a contatto con qualsiasi tipo di Parrucchiere e Salone d’Acconciatura, penso che il parere di un Parrucchiere dovrebbe essere rispettato.

Invece vieni trattato come un semplice prodotto a sconto, per molti sei solo uno dei tanti Acconciatori di cui si può fare benissimo a meno, un padre/madre confessore, sei usato dai conoscenti come dispensatore di consigli gratis, lavori tantissimo per finire di guadagnare meno di un tuo dipendente.

Fatti due conti tra contributi, tasse e spese ti rimane ben poco.

Molti dicono che sia colpa della crisi, dei parrucchieri orientali, o dell’abusivismo.

Io ho 47 anni e ho cominciato a lavorare da quando ne avevo 18 e il mio mondo è oggi, è ORA.

Inutile rivangare il passato.

Chi ha la mia età, o anche qualche anno in più, non dovrebbe mai rivangare il passato, non dovrebbe mai parlare di “crisi”.

Nel 2016 la crisi è semplicemente la normalità.

Il primo fatto che devi accettare è questo. Le persone là fuori, non sanno veramente in cosa consista il lavoro di un Parrucchiere.

  • Non sanno i sacrifici che hai dovuto affrontare per essere in grado di usare le tue mani per trasformare i loro desideri di bellezza in servizi
  • Non sanno i sacrifici che hai dovuto affrontare per imparare le parole attraverso le quali comunichi la tua professionalità e trasmetti affidabilità, con la qualità dei tuoi lavori
  • Non sanno i sacrifici che hai dovuto affrontare in ore e ore di formazione tecnico/stilistica per raggiungere le abilità che hai.

Del resto, chi dovrebbe educarli alla bellezza e all’equilibrio delle forme? I politici? Lo stato? I loro genitori?

Forse…TU.

LE BASI DA CUI PARTIRE: IL CLIENTE IDEALE DI UN PARRUCCHIERE

Oggi voglio offrirti un punto di vista totalmente differente e nuovo del tuo Salone d’Acconciatura. Per una volta nella tua vita, prova a cambiare punto di vista. Cerca di non forzarti ad essere il Parrucchiere perfetto per i tuoi clienti. Cerca invece di identificare il più possibile il “tuo cliente perfetto”.

E’ una donna? Dove vive? Che problemi ha? Quali sono le sue paure? Come puoi aiutarla?

Le risposte a queste domande ti aiuteranno a capire cosa puoi dire, fare, scrivere per attrarre la sua attenzione sia online che offline, che dal vivo.

Sto parlando di un principio molto semplice: è inutile dire di essere un Parrucchiere, se le persone non sanno cosa significhi fare questo mestiere. Per “educare” le persone a cosa significhi fare il Parrucchiere ci vorrebbero tanti soldi, programmi educativi in tv, radio e riviste e di solito quello che si dice e si fa vedere è solo il risultato finale.

Ne tu né io abbiamo le capacità economiche per riuscire ad invadere di informazioni i media. Se però da subito ti focalizzi su un problema specifico della tua attività e produci informazione per questo target, allora le persone capiranno una cosa importante:

  • Tu sei un’esperto.
  • Tu NON sei come l’amico Parrucchiere.
  • Tu sei uno specialista.

Risolvi i problemi in un determinato settore che fa parte dell’universo mondo di servizi che un Parrucchiere è in grado di eseguire, per un determinato target di persone.

PARRUCCHIERI. MEGLIO SPECIALIZZARSI?

Le competenze professionali tecniche e stilistiche si accavallano, quando invece sarebbe più opportuno distinguere nettamente i ruoli. Se ti specializzi è molto più semplice produrre informazione di valore attraverso qualsiasi media, da FB a YOUTUBE, fino al blog personale e le comunicazioni interne del tuo Salone d’Acconciatura.

Il tuo percorso di formazione tecnico/stilistica ti porta ad avere un’approccio multiplo, quando sei di fronte a una cliente. Ti basta un’occhiata per capire la morfologia di un viso, il suo incarnato, vedi già realizzato nella tua mente il taglio di capelli più idoneo, il colore più adatto alla sua immagine. Hai una visione globale della soluzione più adatta alle sue esigenze, che ti permette di correlare esigenze, problemi, soluzioni.

Eppure avere un’approccio multiplo non paga. Il marketing è una questione di percezione, la quale è frutto di comunicazione. E’ inutile quindi avere la tua pagina FB piena di tagli, colori moda o un sito web vetrina, se non produci ciò che le persone vogliono: informazione.

Forse non potrai cambiare il mondo, ma potresti decidere che ogni persona che tu incontri nel tuo Salone d’Acconciatura sia veramente cosciente del tuo valore e del tuo ruolo importantissimo in questa società. Per questo, però, ti chiedo di fare un piccolo sforzo e iniziare oggi stesso ad informare tu stesso le persone sul tuo valore. Non aspettarti che sia qualcun altro a farlo. Non aspettare che le cose cambino, perché potrebbe non succedere mai. Non aprire un sito web vetrina, non realizzare una pagina FB con i tuoi lavori se il tuo obiettivo è offrire soluzioni a problemi.

Oggi è davvero semplice offrire contenuti di valore da inviare ai tuoi clienti. Gli strumenti cambiano ma il marketing ha un solo obiettivo: educare le persone a far loro capire che il tuo lavoro vale 1000 volte ciò per cui loro ti pagheranno.

COME COSTRUIRE UNA STRATEGIA DI MARKETING PER IL TUO SALONE D’ACCONCIATURA

Ti ho appena spiegato perché fare marketing è importante, e in quale modo dovresti muoverti per ottenere dei risultati, al di la degli strumenti che hai a disposizione.

Ed ecco perché ti incoraggio, se ancora non lo hai fatto a leggere il report gratuito, rivedere gli step, e poi iniziare ad implementarli subito.

“Prima di incontrare per caso il tuo blog, la mia idea su come trovare clienti era abbastanza confusa e basata su concetti anni ’60 non più praticabili. Dopo la mia decisione di approfondire meglio i concetti e decidere di contattarti , mi si è aperto un mondo, di non facile applicazione ma con buone prospettive. Secondo me questo modo di lavorare rappresenta il futuro. Un caro saluto Caputo Parrucchieri”

Prima metti in pratica, prima sarai libero di sceglierti i clienti migliori, lavorare nel tuo settore specifico, quello per cui hai più interesse e talento.

Scarica subito la guida introduttiva che metto a disposizione gratuitamente e scopri i principi base per avere un Salone d’Acconciatura riconoscibile nel mercato moderno,

e poi deciditi!

E’ tempo di saluti.

Angelo

PS: “In futuro Valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà in grado anche di darti soluzioni!”

PPS: se hai qualcosa da chiedermi fallo direttamente nei commenti.

19 pensieri su “PARRUCCHIERI & MARKETING: L’ETERNO DILEMMA!

  1. Romina

    Mi è piaciuta molto la tua frase quando dici di non sforzarsi di essere un parrucchiere perfetto, ma cercare invece di cercare il cliente perfetto. C’è una sottile differenza…..
    grazie…sei sempre il numero uno!

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Romina e grazie a te.
      Per mettere in pratica con successo questo suggerimento c’è bisogno di un cambio radicale di mentalità, che in pochi sono ancora disposti a fare. Questo potrebbe essere un vantaggio.

  2. Sandra

    Sarà, ma noi nel nostro Salone, in Toscana, le abbiamo provate tutte. Con questo non mi voglio lamentare, infatti il lavoro non ci manca, ma alle volte il prezzo che paghiamo è la concorrenza e la qualità del cliente. Non mi fraintedere, noi amiamo tutti nostri clienti, ma con alcuni impazzaimo letteralmente. Tu parli di comunicazione e di risolvere i problemi, ma noi da sempre abbiamo puntato sulla qualità dei servizi e dei prodotti, abbiamo un’ampia gamma di servizi per accontentare tutti, ci impegnamo molto a fare delle promo ogni mese ma nonstante questo abbiamo un via vai di clienti continuo. Per esempio ha aperto da poco un nuovo Salone nel nostro quartiere e sappiamo con certezza che alcune nostre clienti fisse ci sono gia state, ed ovviamente non sono venute da noi!
    Lo so che è normale fare nuove clienti o perderle, ma ultimamente mi chiedo dove stiamo sbagliando!!
    Grazie se potrai aiutarci a capire, Sandra.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Per distinguerti dalla concorrenza, avere sempre un flusso di clienti nuove e per fidelizzare quelle che hai già, devi lavorare sul posizionamento. Nella pratica significa lavorare sodo su come potresti distinguerti dalla concorrenza ed essere riconosciuta come unica nella tua zona, nel tuo campo, nel tuo settore specifico. La comunicazione è fondamentale, ma è inutile se non addirittura controproducente se non è accompagnata da un messaggio chiaro di posizionamento che ti farà percepire da tutte le tue clienti/potenziali-clienti, come una specialista, cioè come unica soluzione ad un problema che loro vogliono risolvere.
      Comunque ci sta che le clienti siano attratte dal “nuovo Salone d’Acconciatura”, ma se lavori correttamente sul posizionamento capiterà molto meno frequentemente. Buon lavoro!

  3. Antonio

    Buongiorno Angelo,
    ti volevo ringraziare per quello che scrivi e dirti che attraverso quello che fai mi hai ridato la forza di trovare una nuova direzione in un momento della mia vita professionale nel quale mi sentivo completamente bloccato. I tuoi spunti e il modo che hai per spiegarmi le cose alle quali prima mi dannavo dentro per trovare una risposta, oggi mi hanno rimesso in moto. Anche se so che sara dura, anche se magari non sarà mai abbastanza.
    Non so come ringraziarti e te lo scrivo: grazie!!!

    Rispondi
  4. Salvo

    Ciao Angelo come prima cosa volevo ringrazarti anche io per le risorse che metti a disposizione per noi parrucchieri. Un mio collega che ha tre importanti Saloni a Roma mi ha consigliato di dare un’occhiata al tuo blog per avere informazioni sempre aggiornate sulla gestione del negozio e devo dire che mi hai piacevolmente sorpreso. Nel web c’è di tutto e vedo che tutti ripetono le stesse cose. Qui mi sembra che le tue competenze siano in linea con le mie esigenze. Volevo chiederti se hai dei consigli per quel che riguarda il listino prezzi? Avrei anche altre domande e presto valuterò il fatto di ricevere un tuo parere attraverso una tua consulenza per capire se la direzione che ho preso è secondo te quella giusta. Tu saresti disoonibile?
    Per ora ti ringrazio e ti auguro buona Domenica, spero a presto.
    Salvo di Salvo Acconciatori.

    Rispondi
  5. Mauro

    Faccio il Parrucchiere a Torino e ho il mio Salone da quasi 30 anni, e voglio consigliare a tutti i miei colleghi in difficoltà, o che semplicemente vogliono evitare di commettere errori nel modo di organizzare il negozio, di acquistare senza pensarci due volte Le Basi del Sistema Parrucchiere Vincente, un corso bellissimo e comodo che mi ha permesso di poterlo studiare quando volevo, dove volevo, con i miei tempi. Tra l’altro mettendo in pratica solo il 10% di tutte le informazioni, ho già recuperato abbondantenenete il costo. Non oso immaginare quando sarà tutto a regime.
    Grazie Angelo.
    Mauro

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Grazie a te Mauro, per il tuo feedback e per la fiducia.
      Sono sicuro che farai grandi cose.
      Rimango disponibile per tutto.

  6. Cinzia

    Ciao Angelo, grazie per tutto quello che fai per me e per gli altri Parrucchieri.
    Ogni newsletter che ricevo è un mattoncino in più che si aggiunge alla voglia di migliorarmi.
    Le ricevo tutte ma non le ho ancora lette tutte. Ma presto troverò il tempo di rimediare. In compenso ho già iniziato a studiare il tuo corso e devo farti davvero i complimenti. È molto particolare e fa capire in modo semplice tecniche che per me sono state da sempre un tabù. Ho scoperto che nel mio negozio ho avuto gli occhi chiusi per molto, anzi per troppo tempo. Se penso che io sono solo all’inizio…..
    Credo che tu stia facendo un gran lavoro e sono contenta di aver scelto proprio te per uscire da una situazione incasinata e per riuscire a dare una marcia in più al mio salone. Grande esperienza di acquisto.
    Grazie davvero, Cinzia Parrucchieri VI.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Grazie a te Cinzia per la fiducia che hai riposto in me.
      Di questi tempi la fiducia non è data per scontata.
      Mi fà enorme piacere aver potuto contribuire a rendere i concetti più chiari in modo semplice.
      Con il passare del tempo, mentre metterai in pratica, sono sicuro che raggiungerai enormi risultati.
      Le scelte che hai fatto in passato sono state sicuramente ottime, infatti non devi assolutamente buttare via niente, anzi,
      ma probabilmente oggi hai bisogno d’altro.
      Mi fa molto piacere che una professionista con la tua esperienza abbia intuito e scelto di percorrere una direzione in netta controtendenza per uscire definitivamente a testa alta da un periodo economico particolarmente difficile come quello attuale.
      Ci vuole coraggio!
      Grazie ancora per il tempo che mi hai dedicato scrivendomi questo feedback.

  7. Luca Panarisi

    Salve Angelo ho letto il tuo report gratuito. E’ molto interessante. Io ancora svolgo la mia attività eseguendo i servizi al meglio possibile; dai trattamenti al colore ai servizi di Styling. Ma come dici tu è meglio specializzarsi in una cosa per dare informazioni ed essere un esperto del settore, ma mi trovo nella condizione in cui sono indeciso su quale aspetto della mia professione specializzarmi. Adoro fare anche il trucco e le acconciature ma queste non sono più tanto richiesti e i colori troppo particolari non sono richiesti dalle mie clienti le quali preferiscono avere dei colori naturali. Che ne pensi se io mi specializzassi nel settore del consulente di immagine quindi trucco e acconciatura? Come riuscire veramente a sapere quello in cui è meglio specializzarsi? Grazie Luca

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Ciao Luca, grazie davvero per il tuo commento e per le tue domande.
      Alla prima non mi è possibile rispondere perché per trovare una risposta hai bisogno di una consulenza privata e personalizzata. Qualsiasi mio parere sarebbe un parere dato “a caso” perché mi mancano alcuni elementi basilari e leggo tra le righe un po di confusione.
      Per la seconda posso dire che per riuscire a sapere quello in cui è meglio specializzarsi devi prima rivedere la tua capacità di entrare sul mercato e di gestire tutta la tua comunicazione, in maniera estremamente laser ed efficace, su quello che è lo studio di un’idea differenziante precisa rispetto alla concorrenza e avere ben chiaro il tipo di cliente alla quale vuoi rivolgerla. Per farlo bisogna essere molto concreti e seguire delle regole precise che puoi trovare dopo aver letto attentamente questa pagina: http://www.parrucchierevincente.com/corso
      Mi è davvero impossibile risponderti più di così partendo da una domanda a un articolo del blog. Rimango comunque sempre disponibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *