COME POSSO MOTIVARE LO STAFF DEL MIO SALONE D’ACCONCIATURA?

motivare lo staff del salone di acconciaturaSe anche tu come titolare di salone ti sei chiesto almeno una volta: come posso motivare lo staff del mio salone d’acconciatura?

Allora sono lieto di annunciarti che sei arrivato nel posto giusto al momento giusto! Con l’articolo di oggi, infatti, ti indicherò una serie di azioni pratiche per motivare lo staff del tuo salone d’acconciatura.

In tutti i saloni d’acconciatura è fondamentale saper gestire e motivare bene i propri collaboratori, e la tua NON è un’eccezione. Infatti in un lavoro come il nostro – dove il contatto umano è inevitabile e assolutamente fondamentale – avere uno staff che ti segue non è solo importante… 

È vitale! 

Devi sapere che le problematiche più urgenti che riscontro parlando con i miei clienti personali sono proprio quelle legate ai dipendenti. 

Se almeno una volta ti sei chiesta: 

• Come posso motivare il mio staff? 

• Come faccio a insegnare a vendere alle ragazze (o ragazzi) ? 

• Ma perché se le cose le faccio io funzionano bene, e quando le delego non funzionano? 

• Insomma, qual è il segreto per coinvolgere lo staff ed ottenere il meglio dal mio gruppo? 

Allora sai bene di cosa parlo!

Non a caso quando sono nei saloni, ti ricordo che sono venditore di prodotti cosmetici e che svolgo questa professione da circa 17 anni nel settore dei parrucchieri, uno degli argomenti più dibattuti è proprio quello relativo allo staff e ai collaboratori… 

Ad esempio mi chiedono se sia una buona idea motivare lo staff tramite aumenti di stipendio, oppure se è meglio un’attenzione particolare alle ferie e alle pause durante le ore lavorative! 

Ho visto titolari di saloni d’acconciatura puntare tutto sull’ambiente di lavoro, cercare di dare spazi dedicati al relax oltre che un ambiente pulito e confortevole. Li ho visti spendere migliaia di euro per fornire al proprio staff tecniche all’avanguardia o prodotti “miracolosi”. Tutto per permettere al team di lavorare nelle migliori condizioni possibili. 

Peccato che tutto questo, sfortunatamente, non funziona. 

Cioè, sicuramente può fare la differenza, ma non è realmente quello che motiva una collaboratrice a lavorare meglio, a vendere di più. 

L’errore comune tra tutti i titolari e le titolari di salone d’acconciatura – è quello di pensare che la motivazione delle collaboratrici derivi solo da 3 fattori: 

• Buono stipendio. 

• Rispetto delle pause e delle ferie. 

• Lavoro in un ambiente pulito e con disponibilità di ottimo prodotti. 

Eppure – esperienza dimostra – che potresti avere o mettere in atto tutte queste belle cose e NON avere uno staff motivato che ti segue e che ti porta ad aumentare gli incassi! 

Perché? 

Perché il segreto per avere uno staff affiatato è solamente uno: il coinvolgimento continuo nei tuoi obiettivi e nei tuoi sogni! 

I tuoi collaboratori, soprattutto in una piccola realtà come quella del salone d’acconciatura, vogliono sentirsi parte del sogno. 

Il tuo compito come titolare è trasmettere a queste persone la tua passione, le tue mete, anche economiche, e farle sentire parte di un progetto grande che stanno creando insieme a te. 

D’altra parte il 2020 è iniziato da poco e sono sicuro che, oltre ai propositi personali, tu ti sia fissato anche degli importanti obiettivi per lo sviluppo del tuo salone d’acconciatura.

Secondo te, se i risultati che hai ottenuto finora sono quelli che hai in mano (posto che tu abbia gli strumenti e le competenze per tenere sotto controllo i numeri del tuo salone), come puoi pensare che possano migliorare continuando a compiere le stesse azioni che si sono dimostrate poco efficaci?

Fare più di quello che stai già facendo adesso non è la strategia che ti permetterà di raggiungere i tuoi obiettivi di crescita. Pensi sia umanamente possibile aumentare ulteriormente le ore produttive?

Non è possibile migliorare le performance attuali del tuo salone d’acconciatura continuando a fare ciò che hai sempre fatto o semplicemente facendolo ancora di più.

Non puoi migliorare i tuoi numeri occupandoti per la maggior parte del tempo di attività inutili.

Proprio per questo ho individuato 3 SPUNTI PRATICI che possono aiutarti da subito a salvarti da qualsiasi tipo di problema futuro. 

Continua a leggere e scopri quali sono: 

Fai formazione interna: fornisci Metodo e Strumenti 

Devi essere la prima formatrice del tuo gruppo. Non lasciarti sostituire dai vari coach che su internet ultimamente, sono spuntati come i funghi.

Vorrei precisare, nel caso te lo stessi chiedendo che io NON sono un coach. Sono un venditore professionista e uno dei primi a voler fortemente aprire questo blog pubblico nato nel 2013 libero da qualsivoglia forma di pubblicità, focalizzato su come aumentare l’efficacia del tuo salone riducendo i tuoi sforzi, in un momento storico in cui nessun collega di qualsiasi azienda se lo sarebbe mai sognato, ma a dire il vero aiutare sembra essere uno sforzo troppo grande anche oggi nel 2020.

Perciò formati e studia i modi per comunicare in modo eccellente alla tua squadra.

Io stesso all’epoca da novello venditore ho fatto grandi errori in questo senso. Ho perso collaboratori validi perché non ho saputo coinvolgerli ed alcuni di loro adesso mi fanno concorrenza. Ti sembra un film già visto? 

Crea un piano di incentivi: Stimola e Premia 

Hai deciso di condividere i tuoi obiettivi con il tuo staff e state raggiungendo mete importanti?

….bene!

Adesso non ti scordare di premiare te e le tue ragazze, con cene, weekend benessere ed incentivi economici perché anche solo l’idea di raggiungere certi benefit aiuterà chi ti sta intorno a mantenere la carica e la grinta! 

Affianca le persone e portale a risultato: aiuta il tuo staff 

Iniziando un percorso di formazione dove sei tu il coach del tuo staff, devi sempre ascoltare ed aiutare le persone. Dedica 2 ore del tuo tempo, durante la settimana, a fare incontri e riunioni, in cui ripasserete insieme il sistema di vendita.

Questi che hai appena letto sono 3 spunti pratici e sono i principi base di cui parliamo spesso in salone con le tue colleghe e colleghi che stanno ottenendo risultati incredibili quando mi viene chiesto come si può fare a motivare lo staff del salone d’acconciatura.

Ovviamente dietro c’è molto, molto di più… nel mio corso, “Smettila di aver paura di vendere, impara a far acquistare” ad esempio, c’è un intero modulo di tecniche e strategie dedicate alla creazione di uno staff stellare e poter raggiungere così i tuoi obiettivi più grandi.

Ma tornando a noi e se sei arrivata o arrivato a leggere fino a qui, prima di concludere questo articolo lasciami approfondire l’ultimo punto, quando ti dicevo dell’importanza di affiancare, di accompagnare al risultato e quindi di aiutare lo staff del tuo salone d’acconciatura dedicando un paio d’ore del tuo tempo, durante la settimana a fare incontri e riunioni.

Con più di 17 anni di lavoro come venditore a contatto con i saloni d’acconciatura 10 ore al giorno conosco i problemi, le qualità maggiori dei titolari di salone d’acconciatura e so esattamente anche i punti deboli: uno di questi sono proprio le riunioni che spesso sono il grande assente nella gestione del salone d’acconciatura.

La maggior parte delle titolari infatti continua a vederle come una sorta di perdita di tempo, ne sottovaluta l’utilità e non le organizza quasi mai, salvo in casi eccezionali.

SBAGLIATO!

Ti stai privando di uno strumento fondamentale per gestire il tuo salone d’acconciatura, per organizzare al meglio la tua squadra di collaboratrici e vendere molti più prodotti e servizi di quelli che vendi oggi.

Nelle prossime righe voglio darti ancora alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a rendere le tue riunioni produttive e utili. Rimani incollata e prendi appunti, mi raccomando!

Prima di addentrarci nei consigli però, voglio liberare il campo dalle 3 scuse più utilizzate da tutte quelle e quei titolari che non utilizzano correttamente le riunioni.

Scusa N1: “Non abbiamo tempo per fare le riunioni“.

Quella del tempo è sempre una scusa molto efficace e verosimile ma, diciamoci la verità: non regge proprio.

È normalissimo che un salone d’acconciatura ben avviato abbia il gestionale pieno di appuntamenti. 

Quindi è normale che non ci siano ore libere in agenda da destinare alla riunione dello staff.

Ma il problema è proprio questo: non puoi organizzare le riunioni per tappare i buchi che hai in agenda. La riunione non è un qualcosa di opzionale che fai una tantum se hai tempo, se salta una cliente o se ti va.

La riunione è un momento sacro che ha uno spazio sull’agenda a prescindere dagli appuntamenti che hai con le clienti.

È troppo importante e tra poco ti svelerò il perché…

Scusa N2: “Non serve fare riunioni perché, di fatto, noi ci parliamo sempre, durante tutto il giorno, tra un appuntamento e l’altro“.

Anche questa scusa è molto utilizzata e, anche in questo caso, potrebbe esserci un fondo di verità: nella vita del salone d’acconciatura è facile che i parrucchieri si incrocino tra loro tra un appuntamento e l’altro, oppure condividano insieme qualche minuto di attesa.

Questi spazi sono perfetti per parlare, aggiornarsi sugli appuntamenti fatti, su quanto è accaduto con la cliente e così via.

Tuttavia, questo scambio di informazioni fa pensare, erroneamente, che la riunione non serve perché “tanto ci parliamo sempre durante il giorno” ma, anche in questo caso, è solo una scusa utilizzata da chi non ha ancora realmente compreso la vera utilità delle riunioni.

Perché?

Perché è impossibile affrontare in pochi minuti tutti i temi che bisogna affrontare in una riunione vera e propria… e ti assicuro che non sono pochi!

Scusa N3: “Le riunioni si fanno quando serve”.

Di tutte le scuse, questa è quella più pericolosa, soprattutto per lo staff.

Facciamo le riunioni quando serve” in realtà, è un eufemismo. Il vero significato sarebbe: “facciamo le riunioni quando c’è un problema“.

Proprio così, le riunioni vengono convocate quando c’è un problema da risolvere e diventano dei “cazziatoni” e mega ramanzine per tutto lo staff.

Inoltre, convocando le riunioni solo in queste circostanze, tutto lo staff inizierà a temere le riunioni e ad associarle a momenti spiacevoli e di stress.

Queste 3 scuse – che altro non sono che abitudini sbagliatissime di organizzazione interna del salone d’acconciatura – sono il frutto di una mal comprensione a monte dello scopo di una riunione.

A questo punto viene spontaneo chiederselo: “Ma Angelo, quindi a cosa diamine servono queste riunioni?”

Ti sembrerà controintuitivo, ma lo scopo principale delle riunioni è VENDERE!

Incrementare le vendite, incrementare l’incasso e quindi il fatturato e l’UTILE del salone stesso. 

motivare lo staff del salone d'acconciaturaProprio così: le riunioni servono per farti guadagnare di più, sono uno strumento potentissimo di vendita.

Ma, attenzione, se non segui alcune indicazioni fondamentali le riunioni possono davvero trasformarsi in una penosa perdita di tempo, inutile e frustrante.

Quindi andiamo a vedere quali sono gli ingredienti indispensabili per rendere le tue riunioni utili per te e per tutto il tuo staff. Ho individuato 5 regole fondamentali:

Regola #1: DEFINISCI UN GIORNO E UNO ORARIO E MANTIENILO PER SEMPRE

Partiamo dall’organizzazione: la riunione deve diventare parte della routine settimanale del tuo salone d’acconciatura.

Per essere efficace devi scegliere un giorno e un orario stabilito e fare sempre la riunione in quel giorno e orario.

Se, ad esempio, decidi che la tua riunione sarà il martedì mattina dalle 9.00 alle 10.00, tutto lo staff sa che in quell’ora c’è la riunione e non possono essere presi appuntamenti.

Stabilito giorno e orario ti invito a scriverli nel gestionale in modo da preservare questo spazio.

Se il tuo staff non è numeroso e, all’interno del salone, lavorano solo due o tre persone, un’ora sarà sufficiente per la tua riunione.

Se, diversamente, il tuo staff è più numeroso, valuta di segnare a gestionale fino a due ore per la riunione: meglio prendersi subito un po’ di tempo in più, piuttosto che rischiare di terminare la riunione avendo ancora temi e argomenti da affrontare.

Nel coso fosse sfuggito, ci tengo a ribadire una aspetto importante: la riunione settimanale deve essere fatta anche se nel salone lavorano solo due persone, anche se sono le due socie, titolari del salone, oppure sono sorelle, madre e figlia ecc. ecc.

È una riunione di lavoro e non ha a che fare con eventuali gradi di parentela o relazioni societarie.

Parlando di giorni e orari è necessario sfatare un altro luogo comune e fare chiarezza su un punto: la riunione settimanale è un momento lavorativo e deve essere fatta in orario di lavoro.

Già immagino le obiezioni di alcune delle lettrici o lettori: “ma come, io fermo tutto lo staff, rinuncio ad appuntamenti e, quindi, anche ad incasso, e devo pure pagare le collaboratrici?”

SI!

Perché organizzare le riunioni fuori dall’orario di lavoro, può essere fatto solo saltuariamente in caso di reale necessità ma, se diventa la norma, è una richiesta troppo onerosa per lo staff.

Ricordati che il costo della riunione, in termini di mancato incasso e retribuzione dello staff, è niente rispetto a quanto può farti guadagnare.

Regola #2: PREPARA LA RIUNIONE IN ANTICIPO

Anche se dedichi due ore alla riunione, vedrai che il tempo è sempre poco.

Non puoi permetterti di perdere tempo e ogni minuto della riunione dovrà essere ottimizzato al massimo.Per riuscire in questa impresa, la titolare deve dedicare del tempo per preparare la riunione. Almeno il giorno prima, stabilisci quali argomenti vorrai affrontare e quali invece non troveranno spazio nella riunione.

Definisci un obiettivo per la tua riunione:

– Quali comportamenti dovranno cambiare dopo la riunione?

– Quali informazioni vorrai condividere?

– Di cosa ha bisogno il tuo staff in questo momento?

Suggerisco di preparare una scaletta scritta degli argomenti da affrontare, scritti in ordine gerarchico: dal più importante a quello meno importante.Durante la riunione non passare all’argomento successivo fino a quando non è stato sviscerato quello più importante e mantieni l’attenzione sull’argomento stabilito della riunione interrompendo tutte le discussioni che portano fuori tema.

Regola #3: NUMERI, NUMERI E ANCORA NUMERI

Quali sono i numeri da monitorare?

Questo è il punto principale che risponde alla domanda: “Quali sono i numeri da analizzare in riunione per far esplodere le vendite?”

Però l’articolo è diventato davvero troppo lungo, quindi ho deciso di spezzarlo in due.

Se sei curiosa di scoprire quali sono i parametri da tenere sempre a portata di mano per trasformare le tue riunioni in un’arma di vendita potentissima allora leggi l’articolo che pubblicherò prossimamente e se questo ti è piaciuto ti chiedo di condividerlo attraverso i pulsanti di condivisione social posti in fondo.

Nel box riservato ai commenti invece sarò lieto di rispondere a tutte le tue domande.

Se nel frattempo hai capito che non devi assolutamente sottovalutare la tua organizzazione interna, la selezione dello staff e la formazione interna di ogni singolo collaboratore allora leggi ==>>qui cosa ho da dirti di più.

Ad un prezzo veramente ridicolo potrai riorganizzare una volta per tutte il tuo salone e mettere le basi per una crescita esponenziale nei prossimi mesi.

Per chi si fosse perso la [Parte 1] di questo articolo lo trova cliccando qui.

Ti auguro buona vita e alla prossima!

Per oggi è tutto, buon lavoro..

Angelo

PS: “In futuro Valuta i prodotti che sceglierai e con essi anche la competenza di chi te li propone, cercando di capire se oltre ad averteli venduti sarà in grado anche di darti soluzioni!”

12 pensieri su “COME POSSO MOTIVARE LO STAFF DEL MIO SALONE D’ACCONCIATURA?

  1. Specchio Magico Acconciature

    Fosse facile coinvolgerli, sempre ammesso di trovarli. I giovani non hanno più voglia di fare fatica. Comunque grazie per il tuo articolo.

    Rispondi
  2. Nadia e Stefano

    Ho trovato questo articolo utile supporto ai contenuti del corso precedentemente da me acquistato peraltro utilissimo e che spiega cose magari difficili da mettere in pratica (ma solo perché noi parrucchieri non ci siamo abituati) in modo molto semplice. Grazie.

    Rispondi
  3. ACCONCIATURE Lucia

    Ciao Angelo, sei bravissimo in quello che fai. Volevo chiederti se scaricando il tuo report, le emails che invii come aiuto per chi vuole iniziare questo percorso sono gratuite o poi dopo non lo sono più? Lo fai per aiutare e basta? Spero di avere una tua risposta grazie.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Si il Report è totalmente gratuito.
      Se poi c’è chi richiede il manuale completo avanzato o consulenze/coaching sono ancora più felice! (Ma ripeto il Report è gratuito)

  4. Alex Hair

    Ciao Angelo ho appena acquistao i tuoi corsi e ti volevo pubblicamente ringraziare. Io continuo a seguirti con attenzione e come posso ed è vero sei stato generoso, molti formatori riciclati si fanno pagare a peso d’oro per informazioni ridicole. grazie.

    Rispondi
  5. Ivone

    Buongiorno Angelo in questo momento di stop forzato per questa emergenza sanitaria mi rendo conto meglio del valore dei tuoi messaggi che normalmente leggevo sempre di sfuggita presa da molte cose da fare, illudendomi che le cose da fare fossero più importanti della progettazione stessa. All’interno dei tuoi corsi sto trovando la via. Grazie di cuore, Ivone.

    Rispondi
    1. Angelo Autore articolo

      Il tuo commento è molto interessante, chissà che non tutti i mali vengano per nuocere. Grazie Ivone.

  6. Iconic parrucchieri

    Voglio ringraziarti perché sto studiando e devo dire che nonostante il materiale sia bello ricco di informazioni per me è davvero interessante ed in un periodo come questo che per forza di cose si ha la più tempo, non sai quanto ho apprezzato la tua generosità!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.